Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Fascia

Sede: Fascia (Genova)

Intestazioni:
Comune di Fascia, Fascia (Genova), SIUSA

Il territorio che oggi costituisce il Comune di Fascia fu compreso nel feudo imperiale di Torriglia di cui, presumibilmente, seguì le sorti: affidato nel X secolo al monastero di San Colombano in Bobbio, passò nel 1153 al monastero di san Marziano di Tortona, quindi nel 1180 ai Malaspina e nel 1252 o poco dopo ai Fieschi. La famiglia, a parte il contenzioso svoltosi nei decenni centrali del Quattrocento con il Ducato di Milano, tenne il feudo di Torriglia - e quindi il territorio di Fascia - fino al 1547, anno della congiura di Gian Luigi Fieschi, in seguito alla quale i Doria si impossessarono di buona parte dei domini fliscani che tennero fino all'annesione alla Repubblica Ligure nel 1797.
Con la legge del 27 maggio 1803, n. 37, e del 14 maggio 1804, n. 26, Fascia risulta compresa nella Giurisdizione del Centro (capoluogo: Genova), cantone di Torriglia. Aggrega nel 1804 il Comune di Carpeneto, costituito nel 1797, ricostituito nel 1815 e riaggregato nel 1816; nel 1923 è unito al circondario di Genova dal soppresso circondario di Bobbio.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Fascia (fondo)
Stato civile del Comune di Fascia (fondo)


Redazione e revisione:
Frassinelli Antonella, 2005/02/23, rielaborazione


icona top