Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Famiglie » Soggetto produttore - Famiglia

Rinuccini

Luogo: Firenze
sec. XV - 1848

Il 3 maggio 1751, il marchese Folco di Alessandro Rinuccini ottiene l'ascrizione al patriziato fiorentino.

Intestazioni:
Rinuccini, Firenze, sec. XIII - 1848, SIUSA

Sin dalla fine del XIII secolo, i Rinuccini furono annoverati fra le famiglie illustri fiorentine e ottennero ambascerie e incarichi ufficiali; furono insigniti delle maggiori magistrature pubbliche a partire dal 1524, con Alessandro di Neri di Filippo, marito di Maddalena di Bernardo Baroncelli. La famiglia trasse vantaggio dalla saggia amministrazione dei 'banchi' di cambio e dagli oculati acquisti terrieri che ne fecero una delle più ricche della Toscana. Dei figli di Alessandro, Matteo ha intrapreso la carriera ecclesiastica fino ad essere eletto arcivescovo di Pisa, nel 1577, Tommaso si è trasferito a Roma e con il figlio Camillo ha ottenuto il riconoscimento della cittadinanza romana con il patriziato dell'ordine senatoriale, nel 1587, Francesco, con la moglie Maria Alessandra di Francesco Portinari, ha continuato la linea principale. Il figlio di questi Pier Francesco, nel 1588, ha sposato Maria Virginia di Giovanni Ridolfi, erede di monsignor Lodovico Ridolfi. La stirpe è proseguita poi con Folco, suo figlio Carlo, sposo di Vittoria di Giovanni Gualberto Guicciardini, il figlio di questi Folco, marito di Camilla Aldobrandini e primo marchese di Baselice, nominato ciambellano d'onore di Francesco Stefano di Lorena. Figlio di Folco fu Alessandro (+ 1805), marito di Teresa del conte Luigi Bardi, da cui nacque l'ultimo della casa, Pier Francesco (1788-1848), uomo saggio e amministratore accorto che sposò Teresa Antinori ed ebbe tre figlie. Ernesta (n. 1816), la più giovane, sposò il marchese Pompeo Azzolino, marchigiano; Maria Anna (n. 1812), la più grande, entrò nella casa milanese dei Trivulzio, ed Eleonora (n. 1813) nel 1834 sposò don Neri (1805-1859) di Tommaso Corsini, marchese di Lajatico, e parte dei beni e dell'archivio Rinuccini passarono in questa casa.
Arme: "D'argento alla banda di losanghe accollate d'azzurro".


Soggetti produttori:

Collegati:
Buondelmonti
Corsini


Per saperne di più:
Blasoni delle famiglie toscane descritte nella Raccolta Ceramelli Papiani

Complessi archivistici prodotti:
Affari di Napoli (serie)
Amministrazione di Napoli (sub-fondo / sezione)
Amministrazioni di Roma e Firenze (serie)
Atti patrimoniali (serie)
Diplomatico (serie)
Inventari dell'archivio (serie)
Libri di amministrazione (sub-fondo / sezione)
Libri di amministrazione delle fattorie (sub-fondo / sezione)
Libri di commercio (sub-fondo / sezione)
Ricevute (serie)
Ricevute e giustificazioni delle fattorie (sub-fondo / sezione)
Rinuccini, famiglia (fondo)


Fonti:
ASFi, Deputazione sopra la nobiltà e la cittadinanza, n. VII, 10

Bibliografia:
GINORI LISCI LEONARDO, I palazzi di Firenze, vol.1-2, Firenze, Bemporad Marzocco, 1972, 765-771
Casini Bruno, I "Libri d'oro" della nobiltà fiorentina e fiesolana, Firenze, Arnaud, 1993, 146
Orefice Gabriella, Palazzo Rinuccini a Firenze: un cantiere lungo due secoli, in "Il sistema delle residenze nobiliari. Stato Pontificio e Granducato di Toscana", a cura di M. Bevilacqua, M. L. Madonna, Roma, De Luca, 2003, pp. 349-362.
AGLIETTI Marcella, Le tre nobiltà. La legislazione del Granducato di Toscana (1750) tra Magistrature civiche, Ordine di Santo Stefano e Diplomi del Principe, Pisa, ETS, 2000, 245
Aiazzi G., a cura di, Ricordi storici di Filippo di Cino Rinuccini dal 1282 al 1460 colla continuazione di Alamanno e Neri suoi figli fino al 1506, Firenze, Piatti, 1840

Redazione e revisione:
Insabato Elisabetta, 2006/01/18, revisione
Romanelli Rita, 2005/09/09, prima redazione
Romanelli Rita, 2007/03/28, rielaborazione


icona top