Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Famiglie » Soggetto produttore - Famiglia

Ximenes de Aragona

Luogo: Livorno e Firenze
sec. XV - 1816

Il 3 ottobre 1593, Ferdinando I de' Medici conferisce a Sebastiano di Tommaso Ximenes il marchesato di Staurnia; nel 1651 il duca Wolfango Guglielmo conferisce a Rodrigo Ximenes il marchesato di Esche in Baviera, poi passato a Ferdinando di Tommaso. Il 21 giugno 1751 il marchese priore Tommaso Ximenes de Aragona ottiene l'ascrizione al patriziato fiorentino.

Intestazioni:
Ximenes de Aragona, Livorno e Firenze, sec. XV - 1816

Gli Ximenes de Aragona furono antica e illustre famiglia di origini castigliane. Innico, il capostipite di origini ebraiche, era di Ledesmo, e fu battezzato da uno Ximenes di Spagna che gli concesse il cognome. Ferdinando di Odoardo (1526-1600) fu il primo a risiedere il Toscana e si stabilì a Livorno. Nel 1591 ricevette in dono un palazzo a Pisa e nel 1595 acquistò dal granduca Ferdinando I de' Medici la tenuta di Sanmezzano. Il nipote Sebastiano (1568-1633) di Tommaso ebbe il feudo di Saturnia (1593) e costruì a Firenze il palazzo di famiglia in Borgo Pinti; costituì inoltre il priorato di Romagna. Suo nipote Ferdinando (1636-1725) di Tommaso, marchese d'Esche, dal 1700 fu soprintendente allo Scrittoio delle Regie Possessioni. Ferdinando di Anton Francesco Ximenes e di Elena Scarlatti, ultimo della sua famiglia, fu posto sotto la curatela di Ottaviano de' Medici il 29 novembre 1786, ma fuggì in Francia e sposò Carlotte Laysterie du Saillant (+ 1810). Nel 1815, Leopoldo Panciatichi, figlio della sorella di Ferdinando, Vittoria, riportò lo zio a Firenze, dove vi morì nel '16. I Panciatichi ottennero così cognome, stemma e titoli di quella famiglia.

Complessi archivistici prodotti:
Panciatichi Ximenes de Aragona, famiglia (complesso di fondi / superfondo)


Bibliografia:
GINORI LISCI LEONARDO, I palazzi di Firenze, vol.1-2, Firenze, Bemporad Marzocco, 1972, 647-650
AGLIETTI Marcella, Le tre nobiltà. La legislazione del Granducato di Toscana (1750) tra Magistrature civiche, Ordine di Santo Stefano e Diplomi del Principe, Pisa, ETS, 2000, 251
Archivi dell'aristocrazia fiorentina. Mostra di documenti privati restaurati a cura della Soprintendenza Archivistica per la Toscana tra il 1975 e il 1989, catalogo della mostra, Firenze, Acta, 1989, 42-46

Redazione e revisione:
Romanelli Rita, 2005/10/13, prima redazione


icona top