Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Famiglie » Soggetto produttore - Famiglia

Ruschi

Luogo: Como, Pisa
sec. XIII -

1754, 9 settembre: il cavaliere Francesco Ruschi viene ascritto alla nobiltà di Pisa

Intestazioni:
Ruschi, Pisa, sec. XIII -, SIUSA

La famiglia, secondo la tradizione, venne a Pisa da Como nel sec. XVI; nel 1589, infatti, Giovan Battista di Domenico Ruschi fu uno dei priori di Pisa e a lui era stata conferita la cittadinanza pisana nel 1566. Da lui nacquero Paolo, Cammillo e Bernardino. Paolo, canonico nella Primaziale pisana, fondò una Commenda nell'Ordine di S. Stefano, del quale vestì le divise nel 1634. Bernardino fu priore di Pisa; i suoi discendenti vestirono l'abito di cavaliere stefaniano nel 1745 con Francesco, figlio di Verissimo, e furono ascritti alla nobiltà pisana con decreto del 9 settembre 1754. A cavallo tra Settecento e Ottocento ha particolare rilievo Giovanni Battista Ruschi (1771-1831), cavaliere e gran tesoriere dell'Ordine di S. Stefano, maire di Pisa nel periodo francese e padre di Pietro (1806-1865), Francesco (1807-1875), Leopoldo (1810-1882) e Rinaldo (1817-1891). Francesco fu avvocato, gonfaloniere di Vicopisano dal 1844 al 1846, gonfaloniere di Pisa dal 1847 al 1863 e sindaco di Vicopisano dal 1865 al 1866; sposò nel 1837 Maria Paperini e dalla loro unione nacquero Maria Elisabetta coniugata Banti (+ 1876), Giovanni Battista (+ 1882), Giulio (dal quale discendono gli attuali Ruschi, +1903), Paolo (+ 1868), Adolfo (+ 1917) e Luisa (coniugata con il cugino Girolamo Ruschi, da cui derivano i Ruschi Noceti di Pontremoli).
Rinaldo, laureato in Matematica nell'ateneo pisano, partecipò nel 1848 con il battaglione universitario toscano alla campagna militare in Lombardia, nel 1859 fu eletto deputato dell'Assemblea dei rappresentanti toscani e fece parte della deputazione che si recò a Torino in quello stesso anno; fu eletto deputato al Parlamento nazionale nel 1860, 1861 e 1865 e nel 1868 fu nominato senatore del Regno dal re Vittorio Emanuele II.

Complessi archivistici prodotti:
Ruschi, famiglia (fondo)


Fonti:
ASFi, Deputazione sopra la nobiltà e la cittadinanza, n. XXXII, 4

Bibliografia:
AGLIETTI Marcella, Le tre nobiltà. La legislazione del Granducato di Toscana (1750) tra Magistrature civiche, Ordine di Santo Stefano e Diplomi del Principe, Pisa, ETS, 2000, 294
Guida agli archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area pisana, a cura di Emilio Capannelli e Elisabetta Insabato, coordinatore Romano Paolo Coppini, Firenze, Leo S. Olschki Editore, 2000, 255-260
P. V. Ruschi, "Nil difficile volenti. Una vicenda millenaria. I Ruschi da Como a Pisa", Pisa, ETS, 2015
Spreti Vittorio, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, vol. I-VI, 1-2 (appendici), Milano 1928-1956, 873-874, vol. V

Redazione e revisione:
Trovato Silvia, 2005/10/20, prima redazione


icona top