Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Famiglie » Soggetto produttore - Famiglia

Prini Aulla

Luogo: Pisa
1805 - 1908

Intestazioni:
Prini Aulla, Pisa, 1805 - 1908, SIUSA

Dal matrimonio tra Pier Gaetano (1776-1842) di Giuliano Franco Prini e Camilla del cavalier Luigi Aulla, celebrato il 21 settembre 1800, nacquero cinque figli, che aggiunsero il cognome Aulla al proprio: Giuliano (1805-1867), che nel 1842, alla morte della madre, ereditò il patrimonio Aulla; Angiola (1812-1854), che sposò, nel 1845, Luigi Rosselmini Ricciardi; Laura, che sposò Carlo Vincenti; Elena (1821-1873), che sposò nel 1848 Giovan Battista Mazzarosa e fu dama di corte della granduchessa di Toscana Maria Antonia di Borbone dal 1851 al 1859; Teresa, che sposò Giovanni di Luigi Marengo di Sardegna.
Giuliano sposò Leodomilla Trotti di Milano e dalla loro unione nacque, nel 1832, Pietro Gaetano, che a sua volta sposò Virginia Borromeo. Pietro Gaetano, morto nel 1908 senza lasciare discendenza, fece testamento in favore del marchese Giuseppe Mazzarosa (1888-1949), figlio di suo cugino Antonio e di Maddalena Devincenzi, nipote di Giovan Battista Mazzarosa e di Elena Prini Aulla (zia di Pietro Gaetano) e marito, dal 1921, di Laura di Gherardo Rosselmini Ricciardi, a sua volta nipote di Angiola Prini Aulla (altra zia di Pietro Gaetano). Pietro Gaetano nominò Giuseppe Mazzarosa erede di tutte le sue sostanze con l'obbligo di aggiungere al proprio il cognome Prini Aulla.


Soggetti produttori:

Predecessori:
Aulla
Prini


Complessi archivistici prodotti:
Prini Aulla, famiglia (complesso di fondi / superfondo)


Bibliografia:
A. PANAJIA e G. VEZZOSI, Memorie di famiglia. Storia, curiosità, aneddoti e cronache di antiche casate pisane, Edizioni ETS, Pisa, 1994, pp. 157-178 (relative alla famiglia Mazzarosa Devincenzi Prini Aulla)
A. Panajia, Il Casino dei Nobili. Famiglie illustri, viaggiatori, mondanità a Pisa tra Sette e Ottocento, con la collaborazione di Giovanni Benvenuti, Pisa, ETS, 1996, 98
N. GIANNECCHINI, Gli Aulla di Pisa e l'Ordine di Santo Stefano (secc. XVI-XIX), in "Quaderni Stefaniani", a. XVIII (supplemento), Pisa, Edizioni ETS, 1999, 111

Redazione e revisione:
Biagioli Beatrice, 2011/11/24, revisione
Trovato Silvia, 2006/10/01, prima redazione
Trovato Silvia, 2009/09/18, rielaborazione


icona top