Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Famiglie » Soggetto produttore - Famiglia

Nobili Vitelleschi

sec. XVIII - sec. XX

marchesi, patrizi di Rieti

Intestazioni:
Nobili Vitelleschi, marchesi, patrizi di Rieti, sec. XVIII - sec. XX, SIUSA

La famiglia Nobili Vitelleschi deriva dalla fusione di due famiglie: i Nobili di Labro (Rieti) e i Vitelleschi di Roma con origini nell'antica Corneto, oggi Tarquinia.
Per la famiglia Nobili, la leggenda vuole origini longobarde. Lo stemma con l'aquila e la trota natante avrebbe riferimento ai diritti di pesca concessi con dodici castelli, dall'imperatore Ottone nel 956. Una bolla di Urbano VII nel 1264 scomunicò "Pandulfus da Alabro" come fautore dell'imperatore Manfredi. Nel 1357 Pandolfo Nobili acquistò il feudo di Repasto. Dal 1479 moltissimi rappresentanti della famiglia furono eletti gonfalonieri della città di Rieti fino al 1691.
Nel 1624 gli ultimi discendenti della famiglia Vitelleschi fecero donazione di tutto il patrimonio con l'obbligo di assumere il cognome agli eredi di Giordano figlio di Girolamo Nobili e Virginia Vitelleschi. La famiglia Vitelleschi era derivata da un ramo della famiglia Vitelli di Foligno. Giacomo Vitelleschi perseguitato dalla famiglia folignate dei Trinci si rifugiò a Corneto. Qui nacque Giovanni Vitelleschi che fu cardinale e generale delle armi di Sacra Romana Chiesa. Altri personaggi importanti della famiglia furono: il cardinal Bartolomeo e il Padre Muzio, generale della Compagnia di Gesù.
Marcello e Alessandro Vitelleschi, nipoti di Muzio, ultimi della famiglia trasmisero cognome e patrimonio a Giordano Nobili. Dal 1729 al 1745 Francesco Nibili Vitelleschi ottenne il titolo di marchese, il patriziato romano, il patriziato reatino e divenne uno dei sessanta patrizi romani coscritti dalla bolla di Benedetto XIV.
Alcuni decenni fa il ramo principale della famiglia si è estinto ed è subentrato un ramo secondario, da cui deriva l'attuale discendenza.

Complessi archivistici prodotti:
Nobili Vitelleschi, famiglia (fondo)


Bibliografia:
MAZZATINTI G., Rieti in gli archivi della Storia d'Italia a cura di G. Mazzatinti, Rocca S. Casciano, 1897-1915, voll. 9 (Ristampa, Zurich-New York, 1988) vol. IV, voce Rieti
POLIDORI M., Croniche di Corneto, a cura di A. R. Moschetti, Tarquinia, 1977
D'ASTI L., La famiglia De' Nobili Vitelleschi di Roma, in "Giornale araldico-genealogico", 1879, p. 6
MICHAELI M., Memorie storiche della città di Rieti, IV, Rieti, 1897 (ristampa anastatica, Bologna 1972)
I Vitelleschi. Fonti, realtà e mito. Atti dell'incontro di studio, Tarquinia, Palazzo Vitelleschi 25-26 ottobre 1996, a cura di G. Mencarelli, (Quaderni della Biblioteca e dell'Archivio storico), Comune di Tarquinia, 1998
Nobili Vitelleschi P., Profili ancestrali, 1952
TABULAZZI I., Storia di Labro, 1660

Redazione e revisione:
Dommarco Fausta, 2007/02, supervisione della scheda
Gurgo Maria Idria, 2007/02, prima redazione


icona top