Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Banfi Gian Luigi

Milano 1910 - Milano 1945

Architetto

Intestazioni:
Banfi, Gian Luigi, architetto, (Milano 1910 - Milano 1945), SIUSA

Gian Luigi Banfi nasce da una famiglia borghese. Si laurea nel 1932 in Architettura al Politecnico di Milano con Lodovico Belgiojoso, Ernesto Nathan Rogers ed Enrico Peressutti; insieme fondano lo studio B.B.P.R., che diventerà punto di riferimento per l'architettura razionalista italiana. I B.B.P.R. intraprendono una vasta attività professionale che comprende la pianificazione territoriale, la progettazione architettonica, l'arredamento e il design, collaborando con le maggiori riviste di architettura e urbanistica. Redigono il Piano Regolatore Generale di Pavia (1933), il Piano Regolatore Generale della Valle d'Aosta (1936), realizzano la Colonia Elioterapica di Legnano e i padiglioni della nuova Fiera di Milano (1938), il Piano Turistico per l'Isola d'Elba (1939), il Palazzo delle Poste per E42 a Roma (1940); alla Triennale progettano con Piero Portaluppi "la casa del sabato per gli sposi" (1933). Da tale esperienza nasce una lunga collaborazione per gli allestimenti della Triennale. Diventano membri dei CIAM (1935); Banfi presenzia al congresso di Parigi nel 1937 e al convegno di Zurigo nel 1939. In queste occasioni internazionali allacciano rapporti con Le Corbusier, Gropius e Giedion. Nel 1935 Banfi presenta al Congresso Internazionale degli Architetti di Roma una relazione dal titolo Urbanistica corporativa e interviene con articoli in "Domus" e "Quadrante". Le leggi razziali del 1938 costringono Rogers a nascondere la sua partecipazione al gruppo, mentre Banfi, Belgiojoso e Peressutti partecipano alla fondazione di "Giustizia e Libertà" e in seguito al Comitato di Liberazione Nazionale. Il 21 marzo 1944 Gian Liugi Banfi e Lodovico Belgiojoso vengono arrestati e condannati, senza processo, alla deportazione per spionaggio e distribuzione di stampa clandestina. Banfi muore il 10 aprile 1945 nel campo di sterminio di Mauthausen- Gusen. Alla fine della guerra lo studio riprende l'attività mantenendo inalterata la sigla B.B.P.R., in memoria dell'amico scomparso.

Notizie tratte da: "Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti", a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.


Soggetti produttori:

Collegati:
B.B.P.R.


Complessi archivistici prodotti:
Banfi Gian Luigi (fondo)


Bibliografia:
Andrea Ragusa, premessa di Giorgio Rochat, Arialdo Banfi: una vita attraverso la storia, Laterza, Bari, 2000
Cesare De Seta (a cura di), Intervista sul mestiere di architetto: Lodovico Belgiojoso, Laterza, Roma-Bari, 1979
Elvia Redaelli, Un architetto con la Leica. L'archivio fotografico di Gian Luigi Banfi come strumento notazionale ed atlante visivo di un protagonista dei B.B.P.R., tesi di laurea, relatore Giuliana Ricci, Facoltà di Architettura, Politecnico di Milano, A.A. 2000-01. DBI, 1963, III, pp. 754-755
Ezio Bonfanti, Marco Porta, Città museo e architettura: il gruppo B.B.P.R. nella cultura architettonica italiana 1932-1970, Vallecchi, Firenze, 1973
Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Frammenti di una vita, Archinto, Milano, 1999

Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/02/28, prima redazione


icona top