Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

De Miranda Fabrizio

Napoli 1926 -

Architetto

Intestazioni:
De Miranda, Fabrizio, architetto, (Napoli 1926 - ), SIUSA

Fabrizio De Miranda, nato a Napoli nel 1926, si laurea in Ingegneria Civile nel 1950 presso l'Università di Napoli. Trasferitosi a Milano nel 1952, svolge la propria attività professionale nel settore della progettazione di ponti e strutture. Nel 1959 forma il gruppo di progettazione della Costruzioni metalliche Finsider S.p.A. che dirige fino al 1967. Nel 1965 ottiene la libera docenza in Tecnica delle Costruzioni e nel 1968 fonda lo Studio De Miranda Associati, di cui attualmente sono partner gli ingegneri Mario De Miranda (Milano, 1954) ed Elena Gnecchi Ruscone (Milano, 1955). In oltre trentacinque anni di attività ha progettato e costruito numerose opere di ingegneria civile - in Italia e all'estero (Algeria, Argentina, Portogallo, Spagna, Taiwan, Venezuela ecc.) - quali ponti, viadotti e strade sopraelevate per un totale di circa mq. 650.000, adottando diverse tipologie strutturali: ponti a travata, ponti ad arco, ponti sospesi e ponti strallati di medie e grandi luci. Si ricordano, fra le realizzazioni italiane, la strada sopraelevata di Genova, il ponte sull'Arno all'Indiano, ponti e cavalcavia sulle autostrade Torino-Savona, Milano-Nord, Firenze-Mare, Roma-Capua, Napoli- Bari, Salerno-Reggio Calabria. Opera, inoltre, nell'ambito della progettazione di strutture per edifici residenziali, scuole, ospedali, chiese, centri sociali, palestre, capannoni, lavorando anche con colleghi architetti, tra cui Guido Canella, Renzo Piano e Vittoriano Viganò. Detiene cinque brevetti internazionali di procedimenti statico-costruttivi ed è autore di numerose pubblicazioni (novanta memorie e otto volumi) nel settore delle strutture in acciaio e in cemento armato, tra cui si segnalano il volume Strutture in acciaio per l'edilizia civile e industriale (Milano, 1970), il capitolo Ponti del Manuale d'Ingegneria Civile (Milano, 2001) e il capitolo I procedimenti costruttivi in Ingegneria delle Strutture (Torino, 2002).

Notizie tratte da: "Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti", a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza Archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.

Complessi archivistici prodotti:
De Miranda Fabrizio (fondo)


Bibliografia:
Gigliola Meneghini, Fabrizio De Miranda nella storia dei ponti in acciaio, tesi di laurea, relatore Enzo Siviero, Istituto Universitario di Architettura di Venezia, A.A. 1997-98. Allemandi, 2000, II, p. 192
I. Doniselli, Fabrizio De Miranda: ponti e strutture, in "Costruzioni Metalliche", n 5, 1994
Mario Cedolini, Strutture: morfologia strutturale in architettura, Arsenale, Verona, 1991
Renato Airoldi, Il concorso per il nuovo ponte sull'Adda a Paderno, in "Casabella", n 469, 1981, pp. 17-25

Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/03/01, prima redazione


icona top