Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Cambray Digny Luigi Guglielmo de

Firenze 1820 apr. 8 - San Piero a Sieve (FI) 1906 dic. 11

Sindaco di Firenze, 1865 - 1867
Ministro della Real Casa, 1860 -
Membro dell'Accademia dei Georgofili di Firenze di cui fu anche vicepresidente, 1840 -
Senatore eletto nella Destra del Parlamento, 1860 mar. 23 -
Vicepresidente del Senato, 1871 nov. 15 - 1873 ott. 19
Presidente della Banca Nazionale Toscana, 1872 -
Ministro delle Finanze, 1867 ott. 27 - 1869 dic. 14
Membro della Consulta di Stato (Toscana), 1859 -
Membro del Comizio Agrario di Firenze
Consigliere del Consiglio Provinciale di Firenze di cui fu anche Presidente (1870-1877), 1860 - 1906
Ministro ad interim dell'Agricoltura, Industria e Commercio, 1867 ott. 27 - 1867 nov. 28
Membro del Consiglio Superiore dell'Agricoltura
Presidente del Consiglio Compartimentale di Firenze, 1860 - 1864
Membro dell'Assemblea dei rappresentanti (Toscana), 1859 - 1860
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine di S. Stefano
Grande ufficiale dell'Ordine di Nostra Signora della Concezione di Villa Viciosa (Portogallo)
Gran Croce dell'Ordine del Nicham Iftikar (Tunisia)
Politico
Ingegnere

Intestazioni:
Cambray Digny, Luigi Guglielmo de, politico, (Firenze 1820 - San Piero a Sieve 1906)

Nacque a Firenze l'8 aprile 1820, si unì in matrimonio piuttosto giovane con Virginia Tolomei Biffi, la coppia e i tre figli che ne nasceranno nel giro di pochi anni (Luigi, Tommaso, Marianna) daranno vita a un sodalizio familiare molto unito, anche se destinato a rimanere senza eredi, equamente diviso fra l'amato Mugello e Firenze. Partecipò ai moti del 1848 in Toscana, ma certo la sua posizione fu sempre moderata e se indubbiamente non fu tra quelli che festeggiarono il ritorno del Granduca, fu però presto reintrodotto alla vita politica, tanto che nel 1860 viene eletto senatore nella Destra del Parlamento, ed è ministro delle Finanze dal 1867 al 1869. La graduale affermazione politica gli consente di sviluppare liberamente e con sicurezza l'interesse per l'aspetto economico delle operazioni politiche. Fu protagonista nell'istituenda "Regia tabacchi" (1868), nel proficuo sviluppo delle strade ferrate e soprattutto nella "Società anonima edificatrice in Toscana", in pieno sviluppo negli anni 1860-1870. Diplomatico e prudente, fu in rapporto con i Rotschild a Londra, con Bastogi a Parigi e con quanti personaggi della finanza e della politica erano influenti al suo tempo. Fu georgofilo, come il padre Luigi, e come tale autore di articoli e interventi, nella tradizione della nobiltà agraria toscana.


Soggetti produttori:

Predecessori:
Cambray Digny Luigi de


Per saperne di più:
Scheda Senatore Cambray Digny Guglielmo

Complessi archivistici prodotti:
Cambray Digny (fondo)
Cambray Digny (fondo)


Bibliografia:
B. MUCCI, La bonifica della Valdichiana. Governo e organizzazione del territorio nella Toscana dei Lorena, Firenze, Casa Editrice Nerbini, 2006
Carteggio del conte senatore Guglielmo L. De Cambray Digny e della contessa Virginia nata Tolomei Biffi, a cura di G. BACCINI, Firenze, F. Lumachi, 1910
"Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, 1960-, vol. XVII, pp. 152-161, sub voce
Carteggio politico di L.G. Cambray Digny, Milano, Fratelli Treves, 1913

Redazione e revisione:
Bertelli Erika, 2017/12, revisione
Capannelli Emilio, 2007/07/11, revisione
Morotti Laura, 2018/01, revisione
Porciatti Gianna, rielaborazione


icona top