Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Bonacci Brunamonti Maria Alinda

Perugia 1841 ago. 21 - Perugia 1903 feb. 3

poetessa, critica letteraria, scrittrice, 1856 - 1903

Intestazioni:
Bonacci Brunamonti, Maria Alinda, poetessa, critica letteraria, scrittrice, (Perugia 1841 - Perugia 1903), SIUSA

Nata a Perugia nel 1841, fin dall'adolescenza si dedicò alla composizione di versi poetici. Le sue prime aspirazioni furono soprattutto religiose, testimoniate da un'attenta lettura dei testi sacri, sotto la guida della madre, Teresa Tarulli di Matelica. Tra i nove e i dodici anni studiò a fondo la Divina Commedia e il Canzoniere di Francesco Petrarca, le opere di Orazio e di Virgilio, di cui, più tardi, tradusse l'Eneide. Apprese il greco ed approfondì la filosofia platonica e quella cristiana. Grazie al padre, fu anche cultrice delle scienze positive ed appassionata di botanica, collezionando un notevole erbario.
Nel 1854, per motivi politici, la sua famiglia fu costretta a lasciare la città di Perugia e a ripararsi a Recanati, dove rimase fino al 1868. Tornata in Umbria, Maria Alinda sposò Pietro Brunamonti ed ebbe tre figli, dei quali solo Beatrice raggiunse la maggiore età.
Nel corso della sua vita scrisse e pubblicò numerosi componimenti poetici di carattere elegiaco, patriottico e naturalistico; si ricordano soprattutto i "Canti" del 1856, i "Canti nazionali" del 1860 e i "Versi campestri" del 1876.
Strinse amicizia con i letterati dell'epoca, quali Terenzio Mamiani, Niccolò Tommaseo, Francesco De Sanctis, Giacomo Zanella e Scipione Maffei; frequentò anche Casa Leopardi, legandosi in particolare a Teresa Teja in Leopardi.
Il suo impegno civile le consentì, unica donna, di votare per l'annessione delle Marche e dell'Umbria al Regno dei Savoia e di partecipare al saluto rivolto dalle donne perugine in occasione del passaggio della regina Margherita a Perugia l'11 novewmbre 1878. Compose anche un canto funebre, il 6 gennaio 1881, per la commemorazione della morte di Vittorio Emanuele II.
Morì a 62 anni nella sua città natale, il 3 febbraio 1903.

Complessi archivistici prodotti:
Bonacci Brunamonti Maria Alinda (fondo)


Bibliografia:
SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA DELL'UMBRIA E DELLE MARCHE, BIBLIOTECA COMUNALE AUGUSTA-PERUGIA, L'archivio di Maria Alinda Bonacci Brunamonti. Inventario, a cura di G. D'ELIA, coordinamento scientifico di F. CIACCI, Perugia 2015 (Scaffali senza polvere, 26), 13-15
A. SAMMARCO, Maria Alinda Bonacci Brunamonti nella storia e nella cultura perugina tra '800 e '900, Perugia, Centro per le pari opportunità-Regione dell'Umbria, 1996 (Quaderni della Biblioteca, 5), 6-7

Redazione e revisione:
Santolamazza Rossella, 2015/07/13, revisione
Sargentini Cristiana, 2005/04/28, prima redazione


icona top