Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Pampanini Renato

Valdobbiadene (Tv) 1875 - Vittorio Veneto (Tv) 1949

Botanico

Intestazioni:
Pampanini, Renato, botanico, ( Valdobbiadene 1875 - Vittorio Veneto 1949)

Nato da famiglia di possidenti cadorini (Valdobbiadene, 1875), fu colpito in gioventù da una infezione di tifo, i postumi della quale compromisero a lungo la sua salute e gli impedirono di effettuare studi regolari. Su consiglio di Pier Andrea Saccardo, amico di famiglia, fu mandato a terminare gli studi liceali in un collegio di Friburgo (Svizzera). In seguito compì gli studi universitari a Losanna e a Ginevra, laureandosi con una tesi in fitogeografia sotto la direzione di Robert Chodat. Convinto sostenitore del criterio morfologico come chiave dell'interpretazione tassonomica, si indirizzò presto verso un'intensa attività di sistematico e classificatore. Nel 1903, su presentazione del Saccardo, entrava in qualità di assistente nell'Istituto botanico di Firenze, allora diretto dal Baccarini. A Firenze rimase per un trentennio, stringendo rapporti con la comunità botanica sia universitaria sia extra-accademica e con istituzioni quali l'Accademia dei georgofili, la Società toscana di orticoltura e la Società botanica italiana. Nel corso di questo periodo partecipò a varie iniziative, tra le quali vanno ricordate la collaborazione alla Flora Italica Essiccata e la costituzione del Comitato permanente pro flora italica, ottenendo anche la libera docenza in botanica (1912). Nel 1933 vinse il concorso a cattedra e si trasferì a Cagliari, dove rimase fino alla conclusione dell'attività accademica, dedicandosi anche allo studio della flora sarda e riorganizzando l'Orto botanico. Morì a Vittorio Veneto nel 1949. Nella sua vasta produzione scientifica (circa 300 lavori) prevalgono i contributi di floristica e sistematica, ma sono individuabili chiaramente anche due consistenti nuclei di lavori sulla storia degli antichi erbari e sui viaggi ed esplorazioni di botanici; la summa della sua attività è la Flora del Cadore, pubblicata postuma nel 1958.

Complessi archivistici prodotti:
Pampanini Renato (fondo)


Bibliografia:
G. NEGRI, "Renato Pampanini" (1875-1949), in "Nuovo Giornale Botanico Italiano", n.s., LXV, 1958, 771-805
"Guida agli Archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area fiorentina", a cura di E. Capannelli e E. Insabato, Firenze, Olschki, 1996, 444-445

Redazione e revisione:
Biagioli Beatrice
Capannelli Emilio, 2007/06/13, revisione


icona top