Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Bassano Ugo

Livorno 1908 - Livorno 1988 lug. 28

Avvocato
Giurista
Politico

Intestazioni:
Bassano, Ugo, avvocato, giurista, politico, (Livorno 1908-Livorno 1988)

Ugo Bassano nasce nel 1908 da Armando Bassano e Pia Castelfranchi, ambedue di religione ebraica e di origini assai modeste. La sua carriera scolastica comincia un po' in ritardo: una polmonite gli impedisce, infatti, di frequentare con regolarità la scuola elementare. Agli inizi del 1918 deve interrompere ancora una volta gli studi a causa di un'epidemia di vaiolo che colpisce quasi tutta la sua famiglia mentre nel 1920, debilitato dalla precedente malattia e colpito dalla spagnola, muore il padre Armando. Ugo Bassano frequenta con fatica le scuole medie e poi il liceo classico. S'iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Pisa dove si laurea nel 1931, iniziando subito un'intensa attività di studioso ed una brillante carriera di avvocato nello studio del legale Giuseppe Funaro. Negli anni dell'università si avvicina per la prima volta alle attività della Comunità ebraica livornese, entrando a far parte per un certo periodo del Circolo di cultura ebraica. Convintosi della necessità della creazione di uno stato ebraico in Palestina, Bassano partecipa alle attività del gruppo livornese del KKL (Keren Kayemet LeIsrael: Fondo nazionale ebraico) per l'invio dei fondi agli ebrei emigrati in Palestina, e del KH (Keren HaYesod: Fondo per lo sviluppo) per l'acquisto di terreni nella regione. L'attività di avvocato gli procura i primi problemi col regime fascista, a causa del suo interessamento in numerosi casi di proposti per il confino riguardanti ebrei che, contravvenendo alle leggi razziali dell'epoca, hanno esercitato professioni e mestieri vietati. La legislazione antiebraica, che vietava agli avvocati ebrei di esercitare in favore dei cristiani, colpisce anche Bassano, che non viene incluso neppure nell'elenco degli ammessi al patrocinio degli ebrei. Bassano inizia allora a lavorare nello studio dell'avvocato Lumbroso e continua la sua attività professionale sotto la copertura dello stesso Lumbroso e di altri illustri giuristi come Vittorio Emanuele Orlando, Arturo Carlo Jemolo e Adone Zoli. Ormai apprezzato come studioso di diritto internazionale, ecclesiastico e processuale civile, viene presentato all'Accademia di diritto internazionale di Washington. Forte di questa presentazione e grazie all'affidavit dell'Associazione delle donne ebree americane, Bassano si prepara ad andare in USA, ma l'entrata in guerra dell'Italia impedisce la partenza.
Antifascista fin da giovanissimo, Ugo Bassano ebbe i primi contatti con un gruppo di oppositori del regime all'Università di Pisa, iniziando però una vera attività politica solo durante il secondo conflitto mondiale, quando, nell'estate del 43, grazie ad un incontro con il comunista livornese Lanciotto Gherardi, si avvicina al PCI. Membro attivo del CLN, dopo la liberazione di Livorno Bassano viene nominato capo del Commissariato provinciale per l'epurazione. Con il dopoguerra inizia anche la sua attività pubblica, che lo vedrà per circa trentacinque anni assessore al contenzioso del Comune di Livorno. Negli anni sessanta ricopre le cariche di presidente del Consorzio antitubercolare e di presidente della Società porto industriale. Autore di numerose pubblicazioni di diritto internazionale ed ecclesiastico e avvocato di fama, Bassano muore a Livorno il 28 Luglio del 1988.


Complessi archivistici prodotti:
Bassano Ugo (fondo)


Bibliografia:
M. Luzzati, "Ebrei a Livorno a Livorno tra due censimenti (1841-1938). Memoria familiare e identità", Livorno, Belforte, 1990 (supplemento a "Comune Notizie", n. 3)

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Lo Presti Giuseppina Rita, prima redazione
Morotti Laura, 2011/11, rielaborazione


icona top