Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Palli Bartolommei Angelica

Livorno 1798 nov. 22 - Livorno 1875 mar. 6

Intestazioni:
Palli Bartolommei, Angelica, patriota, scrittrice, (Livorno 1798 - Livorno 1875)

Angelica Palli nacque a Livorno il 22 novembre 1798 da genitori greci: il padre, Panajotti, console greco a Livorno, era epirota, e la madre Dorotea era lacedemone; di famiglia agiata, studiò con maestri molto noti nell'ambiente livornese come il De Coureil, e iniziò a improvvisare versi fino dall'adolescenza. Nel 1814 scriveva la sua prima tragedia, "Tieste", nel 1819 divenne membro dell'Accademia Labronica, assumendo il nome di Zelmira, e continuò a organizzare riunioni letterarie nel salotto della sua casa. Quando poi i greci iniziarono la lotta contro il dominio ottomano la Palli concentrò il suo interesse sui problemi del suo popolo di origine, trasformando il suo salotto letterario in un centro di raccolta di denaro e soccorsi. Nel 1824 la scrittrice, unica donna a essere ammessa al Gabinetto scientifico-letterario, fu ospite a Parigi di Giovan Pietro Vieusseux che la invitò a collaborare all'Antologia, ma la Palli, non sentendosi in grado di sostenere la collaborazione richiesta, non accettò la proposta. Intorno al '30 sposò Gian Paolo Bartolommei, nobile di origine còrsa e patriota, e, nel 1832, nacque il figlio Lucianino. In quegli anni Angelica Palli scrisse soprattutto prose e novelle di ispirazione sociale e pedagogica, si orientò verso la letteratura civile e iniziò a collaborare a giornali e strenne moderate, quali soprattutto "La Viola del Pensiero" di S. Giannini. Negli anni immediatamente precedenti alla prima guerra d'Indipendenza scrisse versi, rimasti per lo più inediti, e racconti storico sentimentali che raccolse poi in un unico volumetto intitolato "Racconti". Intensa fu la sua attività politica: nel 1847 si occupò dell'organizzazione delle milizie volontarie toscane e, l'anno successivo, prese a collaborare al giornale fiorentino "La Patria" inviando le notizie che le giungevano dal campo. Raggiunti il marito e il figlio in Lombardia per la precarietà della situazione, nel 1849 tornò a Livorno e si ritirò in campagna; qui, nel 1851, scrisse i "Discorsi di una donna alle giovani maritate del suo paese", in cui dimostra la necessità dell'educazione femminile e rivaluta il ruolo della donna nell'ambito della famiglia e della società.
Nel 1853, rimasta vedova e in modeste condizioni economiche, decise di partire per Torino dove riprese a dedicarsi ampiamente alle lettere. Nel 1855 furono pubblicate "Le confessioni di un còrso", l'anno successivo scrisse "Cenni sopra Livorno e i suoi contorni", in cui descrive la sua città fornendo cenni storici e culturali. Sempre durante il soggiorno torinese prese a collaborare al giornale livornese "L'Euterpe", settimanale artistico, letterale e teatrale; nel 1857 decise di tornare a Livorno dove visse dando lezioni private. Il primo gennaio 1859 iniziò, e proseguì poi fino alla proclamazione del Regno d'Italia, la pubblicazione del settimanale "Il Romito", nel quale accanto alle notizie di carattere artistico-letterario si affiancava un repertorio politico di chiaro orientamento filo-piemontese e filo-cavouriano. Intorno al '64 compose il dramma lirico "Corinna", nel '68 le novelle "Ulrico e Elfrida" e "Il gobbo di Santa Fiora". Nell'ultimo decennio della sua vita si occupò prevalentemente dei problemi didattico-pedagogici, con particolare attenzione a quelli relativi all'istruzione femminile. Dal '72 al '75 scrisse "Componimenti drammatici", in cui si descrive la vita di Dante alla corte scaligera, "Lello", che narra in 5 atti le vicende di un cavaliere del '700 e la novella "Spiro". Fra le sue opere più importanti, oltre alle già citate, ricordiamo: "Saffo" (1823), "Poesie" (1824), "Buondelmonte Buondelmonti" (1828), "Euphrosine" (1829), "Ruggieri degli Ubaldini" (1851), "Corinna" (1864). Angelica Palli morì a Livorno il 6 marzo 1875.



Soggetti produttori:

Collegati:
Bartolommei Giovan Paolo
Bartolommei Luciano


Complessi archivistici prodotti:
Palli Bartolommei Angelica (fondo)


Bibliografia:
"Enciclopedia italiana di Scienze, Lettere ed Arti", Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, 1929-, vol. 26 "Paleo-Pete" (1935, rist. fotol. 1949), sub voce (p. 127)
G. Wiquea, "Dizionario di persone e cose livornesi", Livorno, Bastogi, 1976-1985 (pubblicato in dispense come supplemento del periodico "La Canaviglia"), pp. 453-454
G. TARGIONI TOZZETTI, "Angelica Bartolommei Palli", in "Liburni civitas", 1933, p. 263
C. CAPUANO, "L'attività culturale e politica di Angelica Palli Bartolommei a Livorno negli anni 1830-1870", Tesi di laurea, Università di Pisa, Facoltà di Lettere, A.A. 1980-1981
F.D. FALCUCCI, "Commemorazione di Angelica Palli ne' Bartolomei e iscrizione per la medesima", Livorno, Tip. di A.B. Zecchini, 1878
F. PERA, "Appendice ai ricordi e alle biografie livornesi", Livorno, Vannini, 1877, pp. 159-166
J.F. CHAMPOLLION, "Lettres à Zelmire", presentées par E. BRESCIANI, preface de J. Leclant, Mayenne, L'Asiathèque, 1978
G. ROMANI, "Politica e sentimento nell'opera epistolare di Angelica Palli Bartolommei", in "Comune Notizie", rivista del Comune di Livorno, n. 69 n.s., aprile-settembre 2000
L. Nissim, "Una scrittrice del secolo scorso. Angelica Bartolomei Palli", in "Liburni civitas", 1927, p. 57
P. SABATINI, "Angelica Palli Bartolommei", Tesi di laurea, Università di Firenze, Facoltà di Magistero, A.A. 1969-70

Redazione e revisione:
Biagioli Beatrice, prima redazione
Capannelli Emilio, revisione
Lenzi Marco


icona top