Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Paoli Cesare

Firenze 1840 nov. 10 - 1902 gen. 20

archivista
insegnante: università

Intestazioni:
Paoli, Cesare, archivista, insegnante, storico, pubblicista, (Firenze 1840 - Firenze 1902)

Cesare Paoli nacque a Firenze il 10 novembre 1840, da Baldassarre, magistrato in servizio presso il Tribunale di prima istanza e poi della Corte di cassazione di Firenze, autore, tra l'altro, di una "Guida al Nuovo Codice Penale pel granducato di Toscana" (Firenze, 1853).
Fu uno dei primi allievi della Scuola di paleografia e diplomatica, istituita presso l'Archivio centrale di Stato a Firenze, presso cui si diplomò nel 1861 con una dissertazione sulla Signoria di Gualtieri di Brienne, duca di Atene, pubblicata l'anno seguente sulla rivista «Archivio Storico Italiano». Contemporaneamente prestava servizio come archivista nello stesso istituto, da cui fu trasferito a quello di Siena dal 1865 al 1871.
Tornato a Firenze, nel 1874 fu chiamato da Pasquale Villari alla cattedra, istituita ex novo, di Paleografia e diplomatica presso l'Istituto di studi superiori e di perfezionamento di Firenze, in qualità di professore straordinario. Promosso professore ordinario nel 1886, lasciò per questo motivo il servizio presso l'archivio fiorentino. Fece parte di varie commissioni di esame e di concorso, di comitati ministeriali, tra cui di quello incaricato dell'acquisizione dei codici di lord Ashburnham per la Biblioteca medicea laurenziana di Firenze. Divenne uno dei consulenti del governo in materia di archivi e biblioteche. Fece parte di numerosi sodalizi a carattere culturale italiani e stranieri, tra cui l'Istituto storico italiano, in cui sostituì come delegato Marco Tabarrini, morto nel 1898 e la Deputazione di storia patria per la Toscana; della rivista pubblicata da quest'ultima, l'«Archivio Storico Italiano» egli fu direttore dal 1887 fino alla morte.
Nel 1877 si era sposato con Silvia Martelli; morì a Firenze il 20 gennaio 1902.
Oltre a numerosissimi articoli pubblicati su «Archivio Storico Italiano», «Nuova Antologia» ed altre riviste italiane e straniere, il Paoli fu autore dei seguenti volumi: "Il Libro di Montaperti" (Firenze, 1889); "La battaglia di Montaperti" (Siena,1869); "Collezione fiorentina di fac-simili paleografici greci e latini", a cura di G. Vitelli e C.P. (Firenze, 1884-1898).
Ma il nome di Cesare Paoli è legato soprattutto ai manuali di paleografia latina e diplomatica: il suo programma fu dapprima stampato in sole 67 pagine dalla casa editrice fiorentina Le Monnier nel 1883, poi fu ampliato in tre volumi nell'edizione successiva di Sansoni, di cui il primo, dedicato alla paleografia latina, apparve nel 1888; il secondo, dedicato a materie scrittorie e librarie, nel 1894; l'ultimo, dedicato alla diplomatica, nel 1898-1899.
I tre volumi furono anche tradotti in tedesco dal Lohmeyer; il volume sulla diplomatica ebbe una riedizione postuma, ad opera di G. Bascapè nel 1942.


Complessi archivistici prodotti:
Paoli Cesare (fondo)


Bibliografia:
C. LUPI, "Cesare Paoli", in «Archivio Storico Italiano», 1902

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, 2007/07/24, revisione
Pagliai Ilaria, 2006/07/21, prima redazione


icona top