Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Calza Bini Giorgio

Livorno 1908 nov. 4 - Roma 1999 set. 29

architetto, urbanista

Intestazioni:
Calza Bini, Giorgio, architetto e urbanista, (Livorno 1908 - Roma 1999), SIUSA

Docente di Urbanistica presso l'Università "La Sapienza" di Roma, membro del Consiglio Nazionale dell'Istituto di Urbanistica e di numerose commissioni edilizie ed urbanistiche, direttore dei Servizi Architettura e Urbanistica dell'Ente EUR di Roma, decano dell'Ordine degli Architetti di Roma, ha svolto un'intensa attività progettuale nel campo dell'urbanistica e dell'edilizia residenziale. Tra le opere: i piani regolatore di Guidonia (RM) (1935), Lecce, Taranto e Salerno; edifici per uffici pubblici, commerciali e cinema a Guidonia (RM) (1936); Santuario di S. M. di Loreto a Guidonia (RM) (1937); complesso residenziale e commerciale a viale Europa, Roma (1956); chiese di S. Giuseppe Artigiano (1959) e di S. Alfonso (1972) a Foggia.

Complessi archivistici prodotti:
Calza Bini Giorgio (fondo)


Bibliografia:
E. CURRĄ, Le sale per lo spettacolo di Giorgio Calza Bini. Realizzazione e progetto di architetture polifunzionali, in Dal teatro all'italiana alle sale cinematografiche: questioni di storia e prospettive di valorizzazione, a cura di M.G. TURCO, Roma, Quasar, 2017, 147-154
E. CURRĄ, Alcune opere di Giorgio Calza Bini all'EUR: la ricerca di una nuova identità per l'E42 in «Rassegna di architettura e urbanistica», XLV (2012), 134/135, 45-54
Ingegnerie a Guidonia: dal centro studi ed esperienze al polo aerospaziale, a cura di E. CURRĄ - C. PAOLINI, Roma, Gangemi, 2005
R. BIZZOTTO, L. CHIUMENTI, A. MUNTONI, 50 anni di professione, Ordine degli Architetti di Roma, Roma 1983, 65-68, 158

Redazione e revisione:
Mirante Raffaella, 2006/09/05, prima redazione
Reale Elisabetta, 2010/10/04, revisione


icona top