Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Persons » Creator - Person

Scarpellini Caterina

Foligno (Perugia) 1808 ott. 29 - Foligno (Perugia) 1873 nov. 28

scienziata

Headings:
Scarpellini, Caterina, scienziata, (Foligno 1808 - Foligno 1873), SIUSA

Caterina Scarpellini nacque a Foligno nel 1808.
All'età di 18 anni si trasferì a Roma per seguire lo zio Feliciano, celebre astronomo, negli studi e ricerche astronomiche e fisico-chimiche in Campidoglio. Dal quel momento si trovò ad aver relazioni con gli uomini più dotti del tempo.
Si sposò con Erasmo, assistente anche lui all'Osservatorio di Roma.
Dopo anni di studio, iniziò a scrivere ed a rendere noti i risultati delle sue ricerche. Nel 1854 scoprì per la prima volta in Roma una cometa. Nel 1856 istituì la Stazione azonometrica meteorologica in Campidoglio, la prima in Italia a fornire osservazioni idrotermiche sul Tevere, che venne denominata "Stazione meteorologica Scarpellini".
Scrisse molti opuscoli scientifici, tra i quali quelli sulla meteorologia agricola, sull'esistenza dell'ozono, sull'influsso lunare sui terremoti, sull'eclisse solare del 18 luglio 1860, sulla grande cometa del 30 giugno 1861, sull'eclissi totale di luna del 1 luglio 1863, sulla pioggia di sabbia caduta in Roma nel 1864 confrontata con la sabbia del deserto del Sahara, sulla pioggia di stelle cadenti nel 1866, sull'epidemia di vaiolo a Roma tra il 1871 e il 1872 e sui rapporti tra questa malattia e l'ozono atmosferico. Compilò un catalogo degli uranatmi, ossia sulle stelle cadenti, e memorie relative all'autore del Cosmos, Alexander von Humboldt, al chimico Gioacchino Taddei, al medico Benedetto Trompeo, al geologo Fournet, agli astronomi Jean Baptiste Biot e Giuseppe Calandrelli.
Fu socia dei Quiriti di Roma; lo zar di Russia la nominò membro ordinario della I Società di Mosca.
Ricevette premi dal Ministero dell'agricoltura, industria e commercio e incoraggiamenti dal Ministero dell'istruzione per i suoi studi di meteorologia.
La sua vita si spense il 28 novembre 1873 all'età di 65 anni. Il Municipio di Roma e quello di Foligno vollero onorarla; in sua memoria fu eretto un monumento nel cimitero del Verano.


Creators:

Connected:
Sanzi Petroselli
Scarpellini Feliciano


Generated archives:
Scarpellini Caterina (fondo)


Bibliography:
U. SALUSTRI, Commemorazione per l'anno III della morte di Caterina Scarpellini, Roma, s.e., 1877

Editing and review:
Bianchi Emma, 2014/01/23, integrazione successiva
Santolamazza Rossella, 2006/11/15, revisione
Sargentini Cristiana, 2006/11/02, prima redazione


icona top