Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Bartalini Ezio

Monte San Savino (Arezzo) 1884 - Roma 1962

Intestazioni:
Bartalini, Ezio, pubblicista, politico, (Monte San Savino 1884 - Roma 1962)

Ezio Bartalini, pacifista e antimilitarista, nacque a Monte San Savino (Arezzo) nel 1884. Nel 1903 fondò "La Pace", periodico di impostazione socialista rivoluzionaria, a cui collaboreranno i nomi più importanti del pacifismo internazionale. Nel 1917 si laureò in lettere (era già avvocato) e si trasferì a Piombino chiamato dall'amministrazione comunale a dirigere la nuova scuola tecnica dove insegnò italiano e impostò i programmi didattici ispirandosi ai principi libertari della scuola attiva. A Piombino sposò Lilia, figlia di Ettore Zannellini. Nel 1920 fu eletto consigliere provinciale a Pisa e, dopo il congresso di Livorno, aderì al Partito comunista d'Italia. Rimosso dall'incarico di direttore didattico per aver svolto attività di propaganda antimilitarista, si trasferì a Genova. Perseguitato dai fascisti, emigrò a Parigi dove insieme al suocero fondò l'Istituto italiano di assistenza medico-legale per gli italiani immigrati.
Espulso dalla Francia, riparò prima in Belgio, successivamente in Turchia, dove ottenne la cattedra di filologia italiana e latina presso l'università di Istanbul. Durante gli anni di esilio entrò in contatto con il presidente Kemal Ataturk e con il nunzio apostolico Angelo Roncalli, il futuro papa Giovanni XXIII. Rientrato in Italia nel 1944, riprese l'attività politica, entrò nel PSIUP e fu eletto deputato alla Costituente nel collegio di Livorno - Pisa - Lucca - Massa Carrara. A Roma fondò l'agenzia di stampa "La Pace" e collaborò all'"Avanti!", al "Nuovo Lavoro" e alla "Gazzetta di Livorno". Riprese l'attività nel movimento pacifista prima nei Partigiani della pace, poi nella Consulta italiana della pace diretta da Aldo Capitini. Morì a Roma nel 1962.

Complessi archivistici prodotti:
Bartalini Ezio (fondo)


Bibliografia:
A. Ricci, "Tra socialismo e pacifismo. Per una biografia di Ezio Bartalini", Tesi di Laurea in Scienze politiche, Università di Siena, relatore A. Landuyt, A.A. 1998-1999
I. Bartalini, "I fatti veri: vicende di una famiglia toscana", a cura di L. Hartmann, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1996
T. Arrigoni, "'900: storia di una famiglia italiana: le carte di famiglia di Ezio Bartalini e Andrea Gaggero", Follonica, Editrice Leopoldo II, 2000
R. Giacomini, "Antimilitarismo e pacifismo nel primo Novecento. Ezio Bartalini e 'La Pace' 1903-1915", Milano, Franco Angeli, 1990

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Lenzi Marco, revisione


icona top