Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Belloni Giulio di Andrea

Roma 1902 feb. 1 - Perugia 1957 gen. 10

Giurista
Politico

Intestazioni:
Belloni, Giulio, giurista, politico, (Roma, 1902-Perugia, 1957)

Giulio Andrea Belloni nacque a Roma il 1 febbraio 1902 e si laureò in Giurisprudenza, con una tesi di diritto penale, con Enrico Ferri. Di formazione positivista, si avvicinò, anche per opera di Arcangelo Ghisleri, col quale ebbe continui rapporti, al pensiero mazziniano; militò nella federazione giovanile del Partito repubblicano italiano, della quale fu segretario nazionale nel 1924-25, dirigendo negli stessi anni "L'Alba Repubblicana".
Dopo le leggi fasciste che abolivano la libertà di stampa, fu "ammonito", imprigionato e processato. Dato che gli fu, per motivi politici, preclusa la carriera universitaria e quella forense, si dedicò agli studi di criminologia e antropologia, divenendo tra l'altro nel 1931 redattore e, dal 1942, condirettore del periodico "La giustizia penale". Dal 1931 al 1942 fu direttore tecnico di "Criminalia"; collaborò anche con riviste giuridiche europee e americane e si occupò inoltre di storia del diritto penale. Studiò inoltre le origini e lo sviluppo del movimento repubblicano, in particolare Romagnosi, Cattaneo, Pisacane, Quadrio, Ghisleri, Colajanni e Antonio Pellegrini.
Nel 1940 si trasferì a Milano, dove curò una raccolta dei propri saggi dedicati a Gian Domenico Romagnosi. Scoperti i suoi contatti con il movimento di Giustizia e Libertà, fu imprigionato. Partecipò poi alla lotta di liberazione antifascista, contribuendo insieme con Giovanni Conti alla riorganizzazione del Partito repubblicano, del quale nel 1946 fu nominato segretario, divenendo anche direttore de "La Voce repubblicana". In quell'anno fu relatore al XVIII congresso nazionale del partito su questioni costituzionali, studi ai quali da tempo si dedicava. L'anno successivo, al XIX congresso, fece una relazione sul programma economico-sociale. Sempre nel 1947 lasciò le cariche di partito e nel 1948 venne eletto deputato di Roma e del Lazio; alle successive elezioni del 1953 non fu rieletto; divenne però collaboratore del Comitato nazionale della produttività. Successivamente fu eletto sindaco di Rocca di Papa. Nel 1946, intanto, aveva fondato il giornale "L'Idea Repubblicana", in cui sosteneva la tesi del socialismo mazziniano, già espressa da Alfredo Bottai.
Giulio Andrea Belloni inoltre fu autonomista e federalista, oltre che assai sensibile alla questione meridionale. Morì a Perugia il 10 gennaio 1957.


Complessi archivistici prodotti:
Belloni Giulio Andrea (fondo)


Bibliografia:
"Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, vol. 7 (da "Bartolucci" a "Bellotto", 1965), sub voce (Dizionario biografico degli italiani)
"Aspetti e figure della pubblicistica repubblicana italiana. Atti del Convegno, Torino, 13-14 ottobre 1961", Milano, Associazione Mazziniana Italiana, 1962, pp. 159-181 (con in calce nota bibliografica degli scritti di G.A. Belloni)
"Le componenti mazziniana e cattaneana in Salvemini e nei Rosselli. La figura e l'opera di Giulio Andrea Belloni. Atti del Convegno di studi nel venticinquesimo anniversario della fondazione della Domus mazziniana 1952-1977, Pisa, 4-6 novembre 1977", Pisa, Domus mazziniana, 1979
B. DI PORTO, "L'interesse di Belloni per Pisacane e i suoi inediti sull'argomento", in "Le componenti mazziniana e cattaneana in Salvemini e nei Rosselli. La figura e l'opera di Giulio Andrea Belloni. Atti del Convegno di studi nel venticinquesimo anniversario della fondazione della Domus mazziniana 1952-1977, Pisa, 4-6 novembre 1977", Pisa, Domus mazziniana, 1979, pp. 183-254 (con pubblicazione delle carte di G.A. Belloni su Pisacane)
"Guida agli archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area pisana", a cura di E. Capannelli e E. Insabato, Firenze, Olschki, 2000, pp. 47-49

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Capannelli Emilio, 2007/08/16, supervisione della scheda
Lenzi Marco, revisione
Morotti Laura, 2011/11, rielaborazione
Volpi Alessandro, prima redazione


icona top