Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Branzi Silvio

Vermiglio (Trento) 1899 ago. 10 - Trento 1976 lug. 6

giornalista
critico d'arte
scrittore

Intestazioni:
Branzi, Silvio, giornalista, critico d'arte, scrittore, (Vermiglio 1899 - Trento 1976)

Nasce in provinca di Trento, allora parte dell'impero asburgico, e su questo fronte partecipa alla Prima guerra mondiale, mentre nel 1919 prende parte, tra i legionari dannunziani, all'occupazione di Fiume. Dopo la guerra si trasferisce a Venezia, dove risiederà per oltre quarant'anni. Comincia a scrivere su quotidiani, in particolare su quelli stampati nel capoluogo veneto, come «Il Gazzettino» e la «Gazzetta di Venezia». In questi anni alterna le cronache artistiche all'esercizio letterario (alcuni testi in prosa gli vengono pubblicati nella rivista «Trentino», poi saranno riuniti nel 1935 nel volume "Cavalcata notturna", la raccolta di racconti "Una nuvola rossa" uscirà postuma nel 1978), ma la sua autentica vocazione rimane la critica d'arte. I suoi articoli critici e le recensioni alle mostre di artisti sono una presenza puntuale sulle pagine del «Gazzettino» (il giornale sui cui ha scritto costantemente nel corso degli anni). È uno dei critici più autorevoli della "Biennale" (in particolare di quelle del secondo dopoguerra) e in occasione di alcune edizioni dell'esposizione veneziana riceve il premio per le sue cronache d'arte. Negli anni Sessanta, maggiormente libero dagli impegni quotidiani del giornalismo, si è dedicato con più frequenza alla cura e alla presentazione di cataloghi di mostre. Trascorre gli ultimi anni della sua vita, dedicata senza riserve all'arte, nella città natale, dove era rientrato all'inizio degli anni Settanta. Si è occupato soprattutto di arte moderna (alla sua ricca bibliografia, i cui titoli sono sparsi tra i vari periodici a cui ha collaborato, vale la pena di aggiungere la monografia sui "Ribelli di Ca' Pesaro", uscita nel 1975), ma non ha disdegnato escursioni in quella classica. La documentazione raccolta durante la sua carriera di critico e osservatore scrupoloso rappresenta una fonte informativa di tutto rispetto sulla storia dell'arte: l'archivio che ha formato e la rassegna bibliografica che ha accumulato (insieme alla biblioteca personale) costituiscono strumento di servizio che, di per sé, vale come una vera e propria enciclopedia specializzata sull'argomento.

Complessi archivistici prodotti:
Branzi Silvio (fondo)


Bibliografia:
Gabriella Belli, "Silvio Branzi, un percorso artistico. Con una selezione di scritti editi ed inediti", Trento, Edizione dell'accademia del Buonconsiglio, 1978
Laura Donati, "Silvio Branzi recensore delle Biennali del secondo dopoguerra", tesi di laurea, Università di Firenze, a.a. 2002-2003

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Manghetti Gloria, prima redazione


icona top