Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Cerreti Giulio

Sesto Fiorentino 1903 - Sesto Fiorentino 1985

Sindacalista
Politico

Intestazioni:
Cerreti Giulio, sindacalista, politico, (Sesto Fiorentino 1903- Sesto Fiorentino 1985)

Giulio Cerreti nacque nel 1903 a Sesto Fiorentino da famiglia proletaria attivamente impegnata nel movimento socialista. Nel 1917 si iscrisse alla Federazione giovanile socialista ed a 16 anni era già membro della segreteria provinciale fiorentina della FIOM. Nel 1921 partecipò al congresso di fondazione del PCd'I e svolse un'intensa attività sindacale, nonostante le persecuzioni di cui fu fatto oggetto dai fascisti: tra l'altro successe a Lavagnini alla segreteria della FIOM.. Nel 1927, coinvolto in due processi politici, dovette emigrare in Francia, prima a Lione e Tolone, poi a Parigi ove diresse diverse organizzazioni di immigrati all'interno del PCF, tra le quali la Main d'oeuvre émigré. Inoltre svolse un'intensa attività di pubblicista, anche fondando nel 1931 la rivista «Fraternité». Fu delegato al IV congresso del PCI, svoltosi a Colonia e Düsseldorf (1931) ma si impegnò soprattutto per il PCF, del cui comitato centrale fu membro dal 1932 al 1945. Nel 1934 fu a capo di una delegazione del Fronte popolare in visita all'URSS; nel 1936, incaricato dalla III Internazionale, diresse il Comitato internazionale di aiuti alla Spagna repubblicana creando anche la Compagnia France-navigation, che forniva navi da guerra al governo repubblicano. Nel 1939 si trasferì in Belgio e quindi in Danimarca, ove fu arrestato dai nazisti all'atto dell'invasione. Liberato per l'intervento diplomatico sovietico, visse in URSS fino al 1945, a Mosca ed Ufa, negli Urali, quale membro del Komintern. Fu durante questo soggiorno sovietico che riprese la sua attività nel PCI, collaborando con Togliatti, facendo parte del "Centro ideologico" del partito e lavorando quale redattore capo a Radio Milano Libertà. Nel 1945 tornò in Italia ove fu eletto deputato alla Costituente, sottosegretario del III governo De Gasperi quale Alto commissario per l'alimentazione, quindi deputato fino al 1963 e senatore dal 1963 al 1968. Dal 1947 al 1963 fu presidente della Lega nazionale cooperative e mutue e membro dell'Alleanza cooperativa internazionale; nel 1962 fu eletto membro del Comitato centrale del PCI; morì nel 1985.

Complessi archivistici prodotti:
Cerreti Giulio (fondo)


Bibliografia:
"Il movimento operaio italiano: dizionario biografico, 1853-1943", a cura di F. Andreucci e T. Detti, Roma, Editori Riuniti, 1975-1979, voll. 6, vol. II, pp. 11-12, ad vocem
Catalogo degli archivi sestesi, Fondazione Ernesto Ragionieri, Sesto Fiorentino,1991 (testo dattiloscritto fuori commercio), in "Famiglia Cerreti", p. 7
"Guida agli Archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area fiorentina", a cura di E. Capannelli e E. Insabato, Firenze, Olschki, 1996, pp. 165-166

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Capannelli Emilio, prima redazione
Morotti Laura, 2011/12, rielaborazione


icona top