Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Agostino Enzo

Gioiosa Jonica (Reggio Calabria) 1937 dic. 20 - Roma 2003 ago. 14

Scrittore: poeta
Insegnante
Politico

Intestazioni:
Agostino, Enzo, scrittore: poeta, scrittore, insegnante, (Gioiosa Jonica 1937 - Roma 2003)

Nasce a Gioiosa Jonica, l'antica cittadina della Locride dell'alto Jonio reggino, in una famiglia di piccoli artigiani. Ha conseguito il diploma magistrale e ha insegnato educazione fisica, dopo aver iniziato a lavorare ha seguito i corsi di letteratura francese all'Università di Messina senza però conseguire la laurea. ╚ stato una figura pubblica ben nota a livello locale, ma ha tenuto nascosta per quasi tutta la vita una lunga consuetudine vantata con la scrittura, tanto che la sua passione per la poesia è rimasta "segreta" persino nella Locride, nonostante nella sua terra natale fosse conosciuto sia come insegnante (ha lavorato a lungo in una scuola media statale di Siderno) che come militante politico (aveva respirato e ereditato in famiglia la tradizione del Socialismo riformista ed ha ricoperto incarichi nel PSI dagli anni Cinquanta fino al 1992 e, in vari mandati, in organi amministrativi locali). A convincerlo, prima a confidarsi e a commentare - nel chiuso di un piccolo cenacolo - i propri testi, e poi a farlo uscire dall'anonimato, sono stati alcuni "amici di Toscana" - come si sono a volte definiti Giovanna Fozzer, Margherita Pieracci Harwell e Renzo Gherardini - che hanno curato la stampa di una asciutta raccolta di versi in dialetto gioiosano, "Coccia nt'o' gramoni" (2003) e poi promosso l'uscita di una altrettanto selettiva scelta di poesie in lingua, ordinate dall'autore stesso poco prima della scomparsa ("Inganni del tempo", 2004). Due raccolte che, insieme, sommano uno sparuto gruppo di versi sopravvissuti alla dispersione o alla volontaria distruzione: quello che rimane di inedito è affidato ora all'archivio dell'autore.
Lo studio dei versi e la tutela della memoria di Enzo Agostino sono stati oggetto di alcuni incontri seminariali organizzati negli ultimi anni: nel 2005 si è tenuta a Firenze presso il Gabinetto Vieusseux una giornata di studi (un nuovo incontro è stato tenuto a battesimo nella città toscana nel 2008), un convegno ha avuto luogo a Locri nel 2006 (con relativa pubblicazione degli atti l'anno successivo), nel 2008 un incontro è stato organizzato dall'Università della Calabria di Cosenza (gli atti sono usciti nel 2009), una nuova occasione per letture e riflessioni è stata allestita a Mormanno (CS) nell'agosto 2009. In varie riviste sono inoltre apparsi saggi che hanno velocemente arricchito la bibliografia su Agostino.

Complessi archivistici prodotti:
Agostino Enzo (fondo)


Bibliografia:
Enzo Agostino, "Coccia nt'o' gramoni", Firenze, Polistampa, 2003
Enzo Agostino, "Inganni del tempo", Firenze, Polistampa, 2004
"Tempi e luoghi nell'opera di Enzo Agostino", Locri, Accademia Senocrito, 26 aprile 2006, atti del convegno a cura di Mariagrazia Palumbo, Gioiosa Jonica, Edizioni Corab, 2007
"Per Enzo Agostino", atti del convegno di studi sull'opera del poeta Enzo Agostino, Università della Calabria, 5 maggio 2008, a cura di Francesco Piluso, Firenze, Polistampa, 2009.

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Desideri Fabio, 15 ottobre 2009, prima redazione


icona top