Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Olivi Bino

Treviso 1925 apr. 19 - Roma 2011 feb. 15

Alto funzionario delle Comunità europee
Giornalista
Saggista

Intestazioni:
Olivi, Bino, dirigente, giornalista, giurista, (Treviso 1925 - Roma 2011)

Altre denominazioni:
Olivi Beniamino

Beniamino (Bino) Olivi compie i suoi studi all'Università di Padova dove si laurea in giurisprudenza (1946) poi all'Università Cà Foscari di Venezia dove si dedica allo studio dell'economia politica (1947-1948). Diventa assistente di Diritto internazionale all'Università di Pavia con il Professor Rodolfo De Nova che gli fa scoprire il diritto pubblico comparato (1948-1950). Esercita successivamente le funzioni di giudice presso il tribunale di Milano (1950-1958). Viene reclutato dal ministero degli Affari esteri per fare parte della delegazione italiana ai negoziati per i trattati del Mercato comune e dell'Euratom a Val Duchesse per la sua formazione giuridica e per la sua conoscenza del francese e del tedesco. Nel 1958, diventa amministratore principale alla Direzione generale della concorrenza della CEE, presso la direzione che si interessa del riavvicinamento delle legislazioni (DGIV) dove mette a frutto gli studi di diritto comparato. A partire dal gennaio 1960, diventa vice-capo di gabinetto del vice-presidente della Commissione, Giuseppe Caron, incaricato del Mercato interno e dell'informazione, tema, quest'ultimo, che viene seguito in modo particolare da Bino Olivi. Nella primavera del 1961, diventa portavoce della Commissione (1961-1979) e direttore del servizio stampa. Nel 1967, diventa direttore generale. Nel 1979, viene nominato consigliere fuori grado, presidente del gruppo incaricato di redigere il rapporto sul progetto di Fondazione europea. Rappresenta la Commissione nei negoziati per la convenzione su tale Fondazione (1980-1982) poi nel comitato preparatorio della Fondazione che si installa a Parigi (1982-1987). In seguito alla mancata ratifica della convenzione al senato olandese, il Comitato preparatorio si scioglie nel febbraio 1987. Dopo la sua partenza dalla Commissione, Bino Olivi diventa consulente internazionale per Télédiffusion de France (TDF) e Radiotelevisione italiana (RAI) mentre prosegue i suoi impegni accademici in Francia e in Italia.

Complessi archivistici prodotti:
Olivi Bino (fondo)


Bibliografia:
M. Dumoulin, "Quale politica dell’informazione?", in "La Commissione europea 1958-1972. Storia e memorie di un’istituzione", Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, 2007.

Redazione e revisione:
Becherucci Andrea, 2009/09, prima redazione
Capannelli Emilio, revisione
Morotti Laura, 2011/12, rielaborazione


icona top