Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Baratta Giovan Carlo

1790 - Siena 1877 giu. 28

artista: scultore

Intestazioni:
Baratta, Giovan Carlo, artista, scultore, (1790 circa - Siena 1877)

Discendente da un'importante famiglia di scultori d'origine carrarese, Giovanni Carlo Baratta, figlio di Giuseppe, nacque presumibilmente nel 1790. Dal 1836 fino alla primavera del 1853, egli visse ed operò a Berlino, ottenendo nel 1846 la cittadinanza di quella città, ricevendo un regolare sussidio dal re di Prussia e collaborando strettamente con Christian Daniel Rauch. Rientrato a Carrara nel giugno 1853, Baratta continuò la propria attività di scultore, entrando in società con Tommaso Lazzerini - già suo compagno di lavoro a Berlino - assieme al quale realizzò una statua equestre di Federico II di Prussia posta nel 1864 a Potsdam nel parco di Sanssouci.
Dalla prima moglie Assunta Mussi, deceduta nel 1841, Giovanni Carlo Baratta ebbe quattro figli, Achille, Fausto, Tommaso e Alceste. Nel 1868 insieme alla seconda moglie Giulia Perotti andò a vivere a Pisa prima di trasferirsi nel luglio 1876 a Siena.

Complessi archivistici prodotti:
Baratta Giovan Carlo (fondo)


Bibliografia:
Saur Allgemeines Künstlerlexicon. Die Bildenden Künstler aller Zeiten und Völker, vol. 6, München-Leipzig 1992, 631
Allgemeines Lexicon der Bildenden Künstler von der Antike bis zur Gegenwart, herausgegeben von U. Thieme - F. Becker, vol. II, Leipzig 1908, 455
Passeggia L., Carrara e il mercato della scultura. Arte, gusto e cultura materiale in Italia, Europa e Stati Uniti tra XVIII e XIX secolo, Milano, 2005, 35, 254-259

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Moscadelli Stefano, 2009, prima redazione
Romanelli Rita, rielaborazione


icona top