Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Creators

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Persons » Creator - Person

Ceccuzzi Martino

Chiusi (Siena) 1904 nov. 11 - Manziana (Roma) 1988 giu. 18

sacerdote
scrittore

Headings:
Ceccuzzi Martino, Idillio Dell'Era, sacerdote, scrittore, (Chiusi 1904 - Manziana 1988)

Martino Ceccuzzi nacque l'11 novembre 1904 a Chiusi. Dopo un periodo vissuto a Firenze, si trasferì in Maremma al seguito della famiglia. Durante l'adolescenza manifestò i segni di quella vocazione religiosa che lo portò a frequentare i seminari di Grosseto e di Siena. Gli studi in seminario gli consentirono di soddisfare i propri appetiti culturali, rivolti non solo alla lettura dei testi dei padri della Chiesa, ma anche dei classici latini e greci. Ordinato sacerdote dal vescovo di Grosseto Gustavo Matteoni, disse la prima messa a Montepescali il 25 ottobre 1927, prima di divenire parroco a Buriano, Istia d'Ombrone, Ravi e Casal di Pari. Dagli anni Trenta iniziò a collaborare con giornali e riviste letterarie, entrando in contatto con Ada Negri, Angiolo Silvio Novaro, Carlo Betocchi, Giovanni Papini, Luigi Fallacara, Nicola Lisi, Mario Luzi, Piero Bargellini, e proprio grazie all'amicizia che venne a stabilirsi con quest'ultimo cominciò a scrivere regolarmente ne «Il Frontespizio». Durante la Seconda guerra mondiale collaborò con le formazioni partigiane e, catturato dai fascisti e condannato a morte, fu liberato dietro un cospicuo riscatto offerto dai suoi parrocchiani. Dopo la guerra la curia senese lo destinò al convento di Lecceto, prima di affidargli la parrocchia di San Giusto a Balli e poi quella di Toiano. Inziò quindi a insegnare al seminario di Siena e nelle scuole superiori cittadine. Parallelamente mantenne i contatti col mondo letterario fiorentino e con quello senese, stringendo anche amicizia con Glauco Tozzi e intensificando la propria produzione di scrittore e poeta. Nel corso degli anni Ottanta, ormai instabile di salute, visse a lungo presso una nipote sul lago di Bracciano, non mancando comunque di tornare sovente a Siena. Nel 1986 gli è stato attribuito dal "Concistoro del Monte del Mangia" il "Mangia d'argento", uno dei massimi riconoscimenti civici senesi; fra i premi letterari assegnatigli si segnalano quelli Cosenza (1952), Laura Orvieto (1959), Camposampiero (1972), Michelangelo (1975). Don Martino Ceccuzzi - noto con lo pseudonimo Idilio Dell'Era adottato in ambito letterario - morì a Manziana (Roma) il 18 giugno 1988; venne sepolto nel cimitero della Misericordia di Siena. Il Comune di Sovicille gli ha intitolato la Biblioteca comunale. Don Martino Ceccuzzi-Idilio Dell'Era è stato autore di oltre 60 volumi di racconti, poesie, saggi, nonché di decine di articoli apparsi in numerose riviste; una bibliografia delle sue opere è presente nel sito web dell'Associazione a lui intitolata.

To know more:
Ceccuzzi Martino
Idilio Dell'Era

Generated archives:
Ceccuzzi Martino (fondo)


Bibliography:
Assessorato alla cultura del Comune di Sovicille, "Celebrazione del centenario della nascita di Idilio Dell’Era, (atti del convegno 11 novembre 2004)", Sovicille 2006
F. Landi, Idilio Dell’Era, in «Accademia dei Rozzi», XIII/24 (2006), pp. 43-51
«Polimnia», nn. 9-10 (gennaio-giugno 2007), (numero monografico su Idilio Dell’Era)

Editing and review:
Bettio Elisabetta, 2009 dic. 15, rielaborazione
Capannelli Emilio, revisione
Moscadelli Stefano, 2009, prima redazione


icona top