Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Scricciolo Loris

Milano 1923 mag. 8 - Chiusi Scalo 2004 lug. 9

Politico

Intestazioni:
Scricciolo, Loris, politico, (Milano 1923 - Chiusi Scalo 2004)

Figlio di un ferroviere, Loris Scricciolo nacque a Milano l’8 maggio 1923, ma a 4 anni si trasferì a Città della Pieve (PG) e poi a Chiusi Scalo (SI). Dopo le scuole elementari, frequentò l’Istituto magistrale ad Arezzo e poi la Facoltà di Magistero all’Università di Firenze. Nel frattempo, partecipò alle riunioni clandestine del Partito d’azione, che si costituì fra il 1942 e il 1943, ed entrò nella Resistenza con i partigiani del gruppo Simar, operanti nella zona del Monte Cetona. Prese poi parte alla prima amministrazione del Comune di Chiusi, dove fu assessore alla Pubblica istruzione dopo la liberazione. Iscritto al Partitio socialista italiano (PSI) dal 1947, fu assessore alle Finanze e vicesindaco di Chiusi tra il 1951 e il 1963, quando venne candidato alla Camera dei deputati nelle file del PSI di Pietro Nenni alle elezioni tenute nell’aprile di tale anno, risultando eletto nel collegio di Siena. Durante la IV Legislatura, svolse il ruolo di vicepresidente della commissione Finanze e tesoro, e partecipò a missioni per conto del Ministero del Commercio Estero. Fu inoltre firmatario di diverse proposte di legge, tra cui quella per istituire la Facoltà di Scienze economiche e bancarie presso l’Università di Siena. Proposto alla funzione di sottosegretario alle Finanze, non entrò in carica per lo scioglimento delle Camere nel 1968, quando fu di nuovo candidato alle elezioni, ma non tornò in Parlamento per la perdita di consensi del PSI. Dal 1969 al 1979 fu vicepresidente del Monte dei paschi di Siena. Prima di entrare in Parlamento, svolgeva il lavoro di maestro elementare. Cultore di storia, in particolare della sua Chiusi, e profondamente attaccato al PSI, ha svolto negli ultimi anni un ruolo critico rispetto al tracollo della formazione politica e alla perdita della sua “peculiarità specifica”, cioè il “galantuomismo pubblico e privato”, come scrisse nel 1993. Loris Scricciolo è deceduto a Chiusi Scalo il 9 luglio 2004. Tra i suoi scritti ricordiamo la monografia “Chiusi nella bufera”, Chiusi 1991, nonché due discorsi pronunciati alla Camera dei deputati nelle sedute del 14 ottobre e del 9 novembre 1964 ed editi a stampa (Roma 1964) col titolo “Il tratto discriminante delle scelte di politica economica passa soprattutto dal lato degli investimenti e Congiuntura economica: per una politica di riforma, il PSI contro l’inflazione e contro la deflazione”.

Complessi archivistici prodotti:
Scricciolo Loris (fondo)


Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Maggi Stefano, 2009/06, rielaborazione


icona top