Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Pittoni Bianca

Trieste 1904 mar 20 - Parigi 1993 set 12

Politico
antifascista

Intestazioni:
Pittoni, Bianca, politica, (Trieste 1904 - Parigi 1993)

Bianca Pittoni nacque a Trieste il 20 marzo 1904. Figlia del socialista Valentino Pittoni visse a Vienna, Trieste e Milano. Entrata giovanissima nell’attività politica, nel 1922-1923 fece parte del gruppo di giovani che frequentavano a Milano il salotto di Anna Kuliscioff. Nel 1927 scelse volontariamente di condividere le sorti degli antifascisti esuli in Francia e raggiunse a Parigi Filippo Turati, al quale la legò un sodalizio filiale. Per lui fu segretaria, collaboratrice e conforto degli ultimi anni di vita fino alla sua morte, avvenuta nel 1932. Pubblicò nel 1968 le lettere che Turati le scrisse in quel periodo e che sono conservate nell’archivio. Bianca Pittoni operò anche a Vienna in aiuto degli antifascisti, al fianco di Giuseppe Saragat. Nel 1936, durante la guerra civile spagnola, fu volontaria delle Brigate internazionali, unendosi alla squadra di André Malraux. Nel 1940, ricercata dall’Ovra e dalla Gestapo, riuscì a rifugiarsi sull’isola di Oléron, nell’Atlantico, dove partecipò attivamente alla Resistenza francese, in particolare svolgendo la funzione di interprete tra l’amministrazione comunale e i comandanti delle forze dell’occupazione tedesca. Dopo la Liberazione, fu richiamata a Parigi da Giuseppe Saragat, allora ambasciatore. Impiegata al Consolato generale d’Italia dal 1945, si occupò per oltre 16 anni di problemi sociali inerenti all’emigrazione. Dopo una permanenza di cinque anni al Ministero degli affari esteri, dal 1967 al 1969 lavorò all’Ambasciata d’Italia a Parigi, come cancelliere principale e addetta al cerimoniale. Morì a Parigi il 12 settembre 1993

Complessi archivistici prodotti:
Pittoni Bianca (fondo)


Bibliografia:
F. Turati, "Lettere dall'esilio", a cura di B. Pittoni, Milano, Pan, 1968
"Filippi Turati e i corrispondenti stranieri", a cura di D. Rava, Manduria (etc.), Lacaita, 1995
"Guida agli Archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area fiorentina", a cura di E. Capannelli e E. Insabato, Firenze, Olschki, 1996
"Filippo Turati e i corrispondenti italiani nell'esilio (1927-1932)", a cura di S. Fedele, Manduria (etc.), Lacaita, 1998

Redazione e revisione:
Muzzi Giuseppe, 2010, prima redazione


icona top