Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Fortini Letizia

Milano 1929 - Milano 2002

Intestazioni:
Fortini, Letizia, (Milano, 1929 – Milano, 2002)

Altre denominazioni:
Mattioli Letizia

Letizia Fortini (pseudonimo di Letizia Mattioli), nasce a Milano nel 1929, figlia di Raffaele Mattioli, grande banchiere che dominò la scena dell'economia italiana e internazionale dal secondo dopoguerra agli anni Settanta. Fu lui ad incoraggiare la passione della figlia per la letteratura e a consigliarla nelle prime prove di scrittura. Letizia, fin da piccola, amava inventare storie, era avida di letture e comincia a scrivere molto presto. Nel 1952 sposa Leonardo Rimediotti, in seguito si trasferisce a Nozzole (nel Chianti) e Firenze diviene la sua città. Negli anni Sessanta incontra Anna Banti, che rappresenterà un punto di riferimento fondamentale, oltre che un modello, e che sarà, insieme a Mattioli e Bigongiari, tra i suoi primi lettori. Alla Banti è legata anche la scelta dello pseudonimo con cui Letizia intese ritagliarsi uno spazio di autonomia dalla notorietà del padre. Volle assumere il nome di Fortini in onore alla via Benedetto Fortini, la strada in cui Anna Banti abitava. Il carattere esuberante di Letizia, la sua fiducia in se stessa e la freschezza dell'impeto con cui aveva voluto affrancarsi da un nome ingombrante vennero improvvisamente frenate in seguito alla morte del padre, avvenuta nel 1973. Un anno prima era uscito il primo libro di racconti della Fortini, tenuto a battesimo da Mattioli e dalla Banti. Fra le sue opere si ricordano: le raccolte liriche "Pena la vita" (1970), "Il punto acerbo" (1974), "Con altra voce" (1986); i racconti "Il cavallo nero" (1972), "Una donna ubbidiente e altri racconti" (2002); i romanzi "Borje" (1980), "I sussurri delle api" (1985), "Esilio e morte di Robert Fox Lambert" (1987) e "La valigia di cuoio di Russia" (1995). Letizia ha vissuto a lungo a Firenze, una città con cui stabilì un legame contraddittorio, oscillante tra amore e avversione. Trascorre gli ultimi anni a Milano, dove è morta il 28 ottobre 2002.

Per saperne di più:
Archivio per la memoria e la scrittura delle donne

Complessi archivistici prodotti:
Fortini Letizia (fondo)


Bibliografia:
Autodizionario delle scrittrici del Novecento in Toscana, a cura di Ernestina Pellegrini e Liana Borghi, Firenze, Le Lettere, 2000, 151

Redazione e revisione:
Biagioli Beatrice
Capannelli Emilio, revisione


icona top