Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Livi Grazia

Firenze 1930 -

scrittrice

Intestazioni:
Livi, Grazia, (Firenze, 1930 - )

Nata a Firenze nel 1930, scrittrice per vocazione e appassionata di viaggi, si è dedicata anche al giornalismo e alla psicoanalisi. I suoi generi preferiti sono il racconto e il saggio. Ama le grandi città, la musica, la campagna, l’intimità e il silenzio. Tra le sue opere ricordiamo: "Gli scapoli di Londra" (Firenze, 1958),"La distanza e l’amore" (Milano, 1978), "L’approdo invisibile" (Milano, 1980), "Da una stanza all’altra" (Milano, 1984),"Le lettere del mio nome" (Milano, 1991), "Vincoli segreti" (Milano, 1994), "Donne senza cuore" (Milano, 1996), "Non mi sogni più" (Milano, 1997), "La finestra illuminata" (Milano, 2000), "Narrare è un destino" (Milano, 2002).
Tra i vari riconoscimenti ha vinto il Premio Viareggio per la Saggistica, nel 1991, per "Le lettere del mio nome". Attualmente vive a Milano.

Complessi archivistici prodotti:
Livi Grazia (fondo)


Bibliografia:
Autodizionario delle scrittrici del Novecento in Toscana, a cura di Ernestina Pellegrini e Liana Borghi, Firenze, Le Lettere, 2000, 198-199

Redazione e revisione:
Biagioli Beatrice
Capannelli Emilio, revisione


icona top