Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Bacci Pèleo

San Marcello Pistoiese (Pistoia) 1869 mag. 17 - Siena 1950 feb. 10

Dirigente pubblico
Storico: arte
politico

Intestazioni:
Bacci, Pèleo, dirigente pubblico, critico d'arte, politico, (San Marcello Pistoiese 1869 - Siena 1950)

Pèleo Bacci nacque a San Marcello Pistoiese (PT) il 17 maggio 1869 e si laureò in Giurisprudenza presso l'Università di Siena nel 1893. Già negli anni di studio universitario - durante i quali si distinse anche per la partecipazione alle attività teatrali goliardiche - iniziò ad occuparsi di storia e di storia dell'arte, pubblicando anche qualche piccolo saggio. Spinto ancora da ideali risorgimentali prese parte alla guerra greco-turca, seguendo come volontario Ricciotti Garibaldi nella spedizione filo-ellenica e partecipando alla battaglia di Domokos in Tessaglia (17 maggio 1897), nella quale i garibaldini subirono gravi perdite per proteggere la ritirata dell'esercito greco. Al suo rientro fu chiamato da Ferdinando Martini ad accompagnarlo, in qualità di segretario particolare, in Eritrea, dove il Martini veniva inviato come governatore dopo il disastroso evento di Adua; dal marzo 1900 al gennaio 1903 Bacci resse come ufficiale coloniale il commissariato di Cheren. Tornato in Italia nel 1903, Bacci entrò nel 1907 nei ruoli del personale del Ministero della pubblica istruzione all'interno dell'amministrazione dei monumenti, gallerie e scavi archeologici, divenendo dapprima ispettore alle Gallerie fiorentine, quindi dal 1910 reggente della Soprintendenza ai monumenti di Pisa e infine dal 1923 al 1941 soprintendente ai monumenti, gallerie e scavi archeologici a Siena. Qui si distinse per i lavori promossi e seguiti per decenni, che accompagnò sempre con una costante attività di infaticabile studioso, capace di unire l'interpretazione iconografica e stilistica, con la ricerca negli archivi e nelle biblioteche. Fu membro dell'Accademia senese degli Intronati, presiedendone a lungo la Sezione d'arte. Pèleo Bacci morì a Siena il 10 febbraio 1950. Delle sue numerosissime pubblicazioni si dà conto in appendice al necrologio dedicatogli da Giovanni Cecchini. Tra esse ricordiamo: "Documenti toscani per la storia dell'arte, 2 volumi, Firenze 1910-1912; Jacopo della Quercia. Nuovi documenti e commenti", Siena 1929; "Francesco di Valdambrino emulo del Ghiberti e collaboratore di Jacopo della Quercia", Firenze 1936; "L'elenco delle pitture, sculture e architetture di Siena compilato nel 1625-26 da mons. Fabio Chigi poi Alessandro VII secondo il ms. Chigiano I.I.11", BSSP, XLVI (1939), pp. 197-213, 297-337; "Dipinti inediti e sconosciuti di Pietro Lorenzetti, Bernardo Daddi etc. in Siena e nel contado con documenti critici e 70 illustrazioni", Siena 1939; "Documenti e commenti per la storia dell'arte con numerose illustrazioni", Firenze 1944; "Fonti e commenti per la storia dell'arte senese. Dipinti e sculture in Siena, nel suo contado e altrove", Siena 1944; (con A. Lombardi, F. Iacometti, G. Mazzoni) "Raccolta di nomi e modi di dire in uso nella città di Siena e nei suoi dintorni", Siena 1944.

Complessi archivistici prodotti:
Bacci Pèleo (fondo)
Bacci Pèleo (collezione / raccolta)
Bacci Pèleo (fondo)


Bibliografia:
S. Lodovici, "Storici, teorici e critici delle arti figurative (1800-1840)", Roma 1942, pp. 36-39
[Q. Santoli?], "Pèleo Bacci", “Bullettino storico pistoiese”, LII (1950), pp. 95-96
G. C[ecchini], Pèleo Bacci, “Bullettino senese di storia patria”, LVII (1950), pp. 222-228
"Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, 1960-, 5, p. 37
G. Catoni, I goliardi senesi e il Risorgimento, dalla guerra del Quarantotto al monumento del Novantatré, Siena 1993
F. Guazzini, "Fonti per la storia del colonialismo italiano", «Le Carte e la Storia», V/1 (1999), pp. 144-147
F. Guazzini," Frammenti di realtà coloniale nell’epistolario eritreo di Pèleo Bacci", «Quaderni piacentini», 28 (2000), pp. 97-144
F. Torchio, "Pèleo Bacci", in "Dizionario biografico dei soprintendenti storici dell'arte (1904-1974)", Bononia University Press, Bologna 2007, pp. 47-53

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Morotti Laura, rielaborazione
Moscadelli Stefano, 2010, prima redazione


icona top