Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Gigli Leonardo

Quarto (Sesto Fiorentino) 1863 apr. 30 - Firenze 1908 apr. 4

Medico ginecologo

Intestazioni:
Gigli, Leonardo, medico, ginecologo, (Quarto 1863 - Firenze 1908)

Figlio di Ottavio, politico e pedagogista romano, fondatore dei primi asili rurali, e di Cecilia Bartolini Salimbeni, Leonardo Gigli nacque il 30 aprile del 1863 a Quarto, nel comune di Sesto Fiorentino. Si laureò in medicina e chirurgia nell'Istituto di studi superiori di Firenze nel 1889 e, nello stesso anno, fu nominato assistente di Domenico Chiara nella sua clinica ostetrico-ginecologica. Dal 1891, abbandonato il posto di assistente, si recò a perfezionarsi in varie città d'Europa. Frequentò a Parigi le cliniche dirette dai professori Tarnier, Pinard e Budin, poi fu a Londra e infine a Breslavia, dove collaborò con il prof. Johann von Mikulicz-Radecki e con il prof. Heinrich Fritsch, che lo nominò interno nella sua clinica ostetrica. Proprio a Breslavia Gigli ebbe l'opportunità di ideare e applicare la sua geniale invenzione, il filo-sega, uno strumento chirurgico in grado di sezionare le ossa in modo semplice ed efficace. Nella clinica del prof. Fritsch, grazie a questo strumento, sperimentò l'operazione associata poi al suo nome, il taglio lateralizzato del pube, che permetteva di facilitare il parto in donne affette da rachitismo o in condizioni di pericolo per madre e bambino. L'operazione Gigli era un'alternativa semplice e incruenta a interventi allora rischiosi quali la sinfisiotomia e il taglio cesareo. In tutta l'Europa ebbe una rapida diffusione, riducendo quasi a zero la mortalità delle partorienti, in Italia invece incontrò sempre una certa opposizione da parte dei ginecologi nonostante Gigli avesse cercato di dimostrarne la validità mediante numerosi scritti e conferenze. Morì a soli 45 anni, a Firenze, il 4 aprile del 1908. Lo strumento chirurgico di sua invenzione, sebbene divenuto obsoleto nella pratica chirurgico-ginecologica, è tuttora utilizzato nell'ambito della chirurgia ossea.

Complessi archivistici prodotti:
Gigli Leonardo (fondo)


Bibliografia:
G. Resinelli, "Commemorazione del dott. Leonardo Gigli letta dal prof. Giuseppe Resinelli alla XIV Adunanza della Società italiana di ostetricia e ginecologia, Genova 29 ottobre 1908", Roma, Stab. tip. della Soc. editrice laziale, 1908.
L.M. Bossi, "Nel trigesimo della morte di Leonardo Gigli", Milano, Tip. ditta F. Fossati, 1908.
"In memoria del dottore Leonardo Gigli nel trentesimo giorno dalla sua morte: 4 maggio 1908", Firenze, Soc. per le Industrie grafiche G. Spinelli, [1908?]
"Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, 1960-, vol. 54 (2000), p. 679-680

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Carrara Daniela, 2010, prima redazione
Morotti Laura, rielaborazione


icona top