Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Calzini Egidio

Urbino 1857 gen. - Firenze 1928 mar. 21

Storico: arte
Insegnante

Intestazioni:
Calzini, Egidio, critico d'arte, insegnante, (Urbino 1857 - Firenze 1928)

Egidio Calzini nasce ad Urbino nel gennaio 1857. Nel il R1876 consegue la medaglia d'oro nel corso triennale di Architettura presso l'Istituto di belle arti delle Marche della città feltresca, e nello stesso anno ottiene il diploma di abilitazione presso l'Accademia di Bologna. Inizia la sua carriera di insegnante a Forlì, dove nell'ultimo decennio dell'Ottocento risulta tra i più attivi studiosi di arte locale: nel 1892 pubblica "Memorie su Marco Melozzo", nel 1893 la "Guida di Forlì", e nel 1894 la prima monografia sul Palmezzano uscita a puntate sull'«Archivio storico dell'Arte» con il titolo di "Marco Palmezzano e le sue opere". Dal 1897 è accademico dell'Accademia Raffaello, e dello stesso anno è la pubblicazione di "Urbino e i suoi monumenti", che gli varrà la medaglia d'oro del Ministro della pubblica istruzione. Nel 1898 dà inizio, a Forlì, alle pubblicazioni della rivista intitolata «Rassegna bibliografica dell'arte italiana». Nel 1900 viene nominato preside dell'Istituto tecnico "Umberto I" di Ascoli Piceno, città nella quale trasferisce la sede della rivista, e nella quale rimase fino alla fine della Prima guerra mondiale. Autore di numerosi studi sull'arte romagnola e marchigiana, oltre che nelle già citate riviste specializzate, i suoi contributi appaiono anche in «Arte e Storia», in «Rassegna d'arte» e in «L'Arte». Per «L'Arte» fu corrispondente dalle Marche e dalla Romagna dal 1898 al 1916, relazionando su fatti e scoperte artistiche di questi territori. Negli ultimi anni di vita, colpito dalla malattia, si trasferì a Firenze, dove morì il 21 marzo 1928.

Complessi archivistici prodotti:
Egidio Calzini, Giuseppe Mazzatinti (collezione / raccolta)


Bibliografia:
Francesco De Carolis, "Egidio Calzini (1857-1928): un pioniere della storia dell'arte marchigiana", tesi di laurea, Universita degli studi di Urbino "Carlo Bo". Facolta di lettere e filosofia, corso di laurea specialistica in storia dell'arte, a.a. 2005-2006.

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Desideri Fabio, 16 dicembre 2010, prima redazione


icona top