Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Calzavara Attilio

Padova 1901 - Roma 1952

Architetto, grafico

Intestazioni:
Calzavara, Attilio, architetto, (Padova 1901 - Roma 1952), SIUSA

Attilio Calzavara nacque nel 1901 a Padova, dove studiò dal 1915 al 1920 arti grafiche e decorative presso la Regia Scuola Artistica Industriale Pietro Selvatico. Dal 1922 al 1926 completò la specializzazione in architettura presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove frequentò anche i corsi di pittura tenuti da Ettore Tito. Nel frattempo cominciò a svolgere lavori di restauro architettonico nel territorio di Padova. Nel 1928 fu a Roma in occasione di un concorso nazionale per l'insegnamento di disegno. Pur classificandosi tra i primi concorrenti, gli venne negato l'incarico perché non iscritto al Partito Nazionale Fascista. Si dedicò quindi alla progettazione architettonica. Entrò in contatto con l'architetto Armando Brasini, allora direttore artistico del monumento a Vittorio Emanuele II, che lo assunse presso la Consulenza Artistica del monumento stesso. In tale incarico progettò particolari costruttivi ed elementi decorativi, occupandosi anche di lavori di completamento dell'edificio. Nel contempo, su committenza dell'Opera Nazionale Balilla, di cui era consulente artistico l'architetto Enrico Del Debbio, realizzò, nel 1929, sempre a Roma, la palestra della scuola elementare Umberto I.
In questo periodo diede inizio alla sua attività in campo grafico con l'ideazione di manifesti, con la serie di sei cartoline e diplomi per l'Opera Nazionale Balilla e soprattutto con vari progetti di grafica editoriale commissionati da vari ministeri ed enti pubblici, tra cui, di massima rilevanza, quello per il volume celebrativo del Decennale del Fascismo, Opere Pubbliche 1922 - 1932, a cura del Ministero dei Lavori Pubblici (1933).
Nel 1933 si dimise dalla Consulenza Artistica del Monumento a Vittorio Emanuele II e si dedicò alla libera professione. Effettuò dapprima alcuni interventi di ristrutturazione e interior design, ma si orientò ben presto verso gli allestimenti per mostre ed esposizioni, avendo come committenti principali il Ministero dei Lavori Pubblici e il Ministero dei Trasporti.
Tra i numerosi lavori che progetterà e realizzerà (per lo più nel laboratorio artigianale che condivise con il padre, Giovanni, ebanista e decoratore) per circa cinquanta mostre in Italia e all'estero, vanno ricordati in particolare:
- 1934. Padiglione per le Opere di Ingegneria nella Montagna alla V Fiera del Levante di Bari;
- 1935. Padiglione delle Opere Pubbliche all'Esposizione Universale di Bruxelles;
- 1938. Padiglione del Ministero dei Lavori Pubblici alla IX Fiera del Levante di Bari;
- 1939. Padiglione dell'Aviazione Civile (Società Ala Vittoria) e della Marina Mercantile alla XXI Fiera Campionaria di Padova;
- 1940. Sette padiglioni alla I Mostra Triennale delle Terre Italiane d'Oltremare di Napoli;
- 1940. Salone dell'Azienda Autonoma Statale delle Strade alla Fiera Autunnale di Lipsia;
- 1943. Padiglione dei Lavori Pubblici alla Mostra Internazionale di Mentone;
- 1950. Sala dell'Elettrificazione alla Mostra della Ricostruzione Nazionale tenutasi a Roma, al Palazzo delle Esposizioni;
- 1951. Padiglione del Ministero dei Trasporti alla Fiera del Levante di Bari.
Nel 1947, ottenne l'incarico per l'insegnamento di Disegno architettonico presso l'Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 1952, mentre stava allestendo alcuni padiglioni per la Mostra d'Oltremare e del Lavoro Italiano nel Mondo a Napoli, si ammalò. Morì a Roma nel giugno dello stesso anno.


Complessi archivistici prodotti:
Calzavara Attilio (fondo)


Bibliografia:
“Tra Futurismo e visual design. Attilio Calzavara e il progetto grafico di opere pubbliche 1922 – 1932”, iiriti Editore, Reggio Calabria 2005
E. VALERIANI, "A. Calzavara, una vita difficile nell'architettura", in "Controspazio", n. 4, 1998, 78-79
“Parole e immagini futuriste dalla Collezione Wolfson”, a cura di S. BARISIONE, M. FOCHESSATI, G. FRANZONE, catalogo mostra, Casa Italiana Zerilli Marimò-New York University, New York - Museo ItaloAmericano, San Francisco - Palazzo Ducale, Genova, Mazzotta, Milano, 2001
E. STURANI, "Attilio Calzavara, dalla storia dell'arte a quella del gusto", in "Charta", anno 12, n. 65, luglio-agosto 2003, 56-57
R. CAPOMOLLA, M. MULAZZANI, R. VITTORINI, “Case del Balilla. Architettura e fascismo”, Milano 2008
M. G. D'AMELIO, "Opere Pubbliche 1922-32 a cura del Ministero dei Lavori Pubblici, De Agostini, Novara 1933. Rinvenuti i materiali del progetto editoriale di Attilio Calzavara, in "do.co.mo.mo Italia", anno VIII, 13, 2003, 11
E. TORELLI LANDINI, “Attilio Calzavara. Works and commissions of an anti-fascist designer”, The Wolfsonian Foundation, Miami Beach, Amalthea, Fiesole, 1994
“L’Archivio Calzavara”, in “Abitare”, marzo 1991
E. TORELLI LANDINI, “Attilio Calzavara: storie da un archivio”, in “The Journal of Decorative and Propaganda Arts (Dapa)”, n. 16, Wolfsonian Foundation, Miami 1990
E. TORELLI LANDINI, “Attilio Calzavara. Opere e committenza di un architetto antifascista”, con prefazione di Enrico Crispolti, The Wolfsonian Foundation, Miami Beach, Florida/Amalthea ed., Fiesole 1994

Redazione e revisione:
Frassinelli Antonella, 2011/05/19, prima redazione


icona top