Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Vicinelli Patrizia

Bologna 1943 ago. 23 - Bologna 1991 gen. 9

poetessa, 1960 - 1991
scrittrice, 1960 - 1991
attrice, 1966 - 1991

Intestazioni:
Vicinelli, Patrizia, poetessa, (Bologna 1943 - Bologna 1991), SIUSA

Patrizia Vicinelli nasce a Bologna il 23 agosto 1943. Conseguito il diploma magistrale si iscrive alla facoltà di Magistero, senza portare a termine gli studi. Poetessa precoce entra in contatto con i circoli culturali cittadini, dove conosce il poeta Adriano Spatola, lo scrittore e scienziato Giorgio Celli e gli autori teatrali Alberto e Luigi Gozzi. Negli anni '60 lavora al teatro sperimentale con Aldo Braibanti ed Emilio Villa, pubblica i primi testi sulla rivista di poesia «Ex» e collabora come scrittrice di letteratura e cinema con la rivista «Quindici». Trasferitasi a Roma nel 1964, scrive per il cinema sperimentale in collaborazione con il cineasta Alberto Grifi; due anni dopo viene invitata al convegno di La Spezia del «Gruppo '63» dove la sua performance riscuote un grande successo. Nel 1967 pubblica, su supporto in vinile e a stampa, l'opera «à, a. A» per le edizioni Marcatrè e Lerici. Il volume viene presentato nello stesso anno presso la libreria Feltrinelli di Roma da Alfredo Giuliani, Giorgio Manganelli e Renato Pedio. Tra il pubblico sono presenti molte personalità di rilievo della cultura italiana, come Italo Calvino, Nanni Balestrini, Dario Bellezza. Dal 1968 partecipa a numerose mostre di poesia visuale in tutta Italia e si esibisce in performance di lettura in festival nazionali ed internazionali. Nei due anni successivi vive in Marocco, dove scrive il suo secondo libro, il poema visivo «Apotheosys of a Schizoid Woman: 1969/1970», pubblicato nel 1979 nel periodico «Tau/ma» a cura di Mario Diacono e Claudio Parmiggiani. Tornata a Roma, tra il 1975 ed il 1976 inizia la stesura del poema epico «Non sempre ricordano», pubblicato in versione ridotta dall'editore Aelia Laelia di Parma nel 1985. Collabora inoltre con l'artista Gianni Castagnoli alla realizzazione del film «La nott' e 'l giorno» (dal 1973 al 1976), della video performance «Durante la costa dei millenni» (1987) e ad altri lavori in video di poesia visiva. Tra la fine del 1977 e l'inizio del 1978 - durante un periodo di detenzione nel carcere di Rebibbia - scrive ed allestisce con le altre detenute «Cenerentola», testo teatrale sull'autonomia femminile messo in scena a porte chiuse ma celebrato da numerosi quotidiani. Negli anni successivi pubblica contributi su numerose riviste ed antologie letterarie: tra le riviste, oltre a quelle già citate, si segnalano «Zibaldone», «Alfabeta», «Malebolge», mentre tra le antologie si ricordano «Poesie degli anni Settanta» (Feltrinelli, 1979), «Poésie internationale» (Guy Binsfeld, 1987), «Poesia italiana della contraddizione» (Newton Compton, 1989). Tra le opere di poesia fonetica si segnalano «Futura» (1978), «Baobab II» (1981), «Majakovskij il tredicesimo apostolo» (1989).
Patrizia Vicinelli si spegne a Bologna il 9 gennaio 1991. Una prima raccolta di opere è stata pubblicata nel 1994, a cura di Renato Pedio, per l'editore All'insegna del pesce d'oro; nel 2009 Cecilia Bello Minciacchi ha curato la pubblicazione del corpus pressoché completo delle opere edite e inedite dell'artista nel volume «Patrizia Vicinelli. Non sempre ricordano. Poesia Prosa Performance» per la casa editrice Le Lettere.

Complessi archivistici prodotti:
Vicinelli Patrizia (fondo)


Bibliografia:
P. VICINELLI, Opere, a cura di R. PEDIO, Milano, All’insegna del pesce d’oro, 1994
P. VICINELLI, Non sempre ricordano. Poesia Prosa Performance, a cura di C. BELLO MINCIACCHI, Firenze, Le Lettere, 2009

Redazione e revisione:
Casale Mara, 2011/06/09, prima redazione
MenghiSartorio Barbara, 2012/10/20, supervisione della scheda
Xerri Maria Lucia, 2011/12/12, revisione


icona top