Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Disertori Giuseppe

Trento 1907 giu. 19 - Trento 1992 mag. 5

psichiatra, filosofo, politico, scrittore

Intestazioni:
Disertori, Giuseppe, psichiatra, filosofo, politico, scrittore, (Trento 1907 - 1992), SIUSA

Nato a Trento il 19 giugno 1907, si trasferisce subito a Innsbruck, dove contrae la poliomielite che lo segnerà per tutta la vita.
Dopo la prima guerra mondiale rientra a Trento, dove frequenta il Ginnasio liceo Prati. Si iscrive poi alla Facoltà di medicina e chirurgia a Firenze e quindi si trasferisce a Genova, dove si laurea nel 1931 con una tesi di fisiopatologia del sistema nervoso centrale. Successivamente si trasferisce a Milano e si specializza in neurologia e psichiatria con Carlo Besta. Torna poi a Trento, dove esercita la libera professione (la carriera pubblica e ospedaliera gli era preclusa in quanto privo della tessera del Partito nazionale fascista).
Nel 1939 sposa Rosita Banfi, dalla quale ha due figli, Donatella e Marcello.
Antifascista da sempre, negli anni quaranta partecipa attivamente alla Resistenza, incontrando fra gli altri Egidio Reale, Randolfo Pacciardi, Gigino Battisti, Egidio Bacchi, Giannantonio Manci.
Nel 1943 è costretto a riparare in Svizzera. Finita la guerra ritorna in Italia e, a Trento, diventa primario nel reparto di neurologia dell'ospedale Santa Chiara e docente sia di neurologia e psichiatria all'Università di Padova, sia di sociopsichiatria e criminologia presso la Facoltà di sociologia dell'Università di Trento.
Pubblica più di 300 contributi in ambito scientifico, letterario e filosofico. Tra i suoi lavori si ricordano Il libro della vita (1947), Trattato delle nevrosi (1956), De anima (1959), Trattato di psichiatria e socio-psichiatria (1970) e Sfida al secolo (1975).
Per tutto il secondo dopoguerra si occupa attivamente di politica, ricoprendo la carica di presidente regionale del Partito repubblicano. Diventa inoltre presidente della Croce rossa italiana. Muore a Trento il 5 maggio 1992.

Per saperne di più:
Aspi - Il censimento degli archivi storici degli psicologi italiani

Complessi archivistici prodotti:
Disertori Giuseppe (fondo)


Bibliografia:
Sotto il segno dell'uomo: Beppino Disertori. Atti del convegno di studio, Trento, Palazzo Geremia, 11 febbraio 1995, a cura della Biblioteca comunale di Trento, Comune di Trento, Trento, 1995.
S. Demarchi, Pensiero e opera letteraria di Beppino Disertori, Manfrini, Calliano (TN), 1993.
Note biografiche e bibliografia di Beppino Disertori 1907-1987 nell'80 compleanno, a cura di L. Menapace et al., TEMI, Trento, 1987.
Biografia e bibliografia di Beppino Disertori nel 70 compleanno, a cura di R. Bacchi et al., Accademia del Buonconsiglio, Trento, 1977.

Redazione e revisione:
Tomasi Caterina, 2011/04/07, prima redazione
Tomasoni Renata, 2011/04/07, prima redazione


icona top