Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Barfucci Enrico Eraldo

Firenze 1889 apr. 3 - Firenze 1966

Giornalista, scrittore, editore

Intestazioni:
Barfucci, Enrico, giornalista, scrittore, editore, (Firenze, 1889-1966)

Nacque a Firenze il 3 aprile 1889 col nome di battesimo Eraldo Enrico, chiamato poi Enrico e noto con questo nome. Di umili origini, rimase orfano a undici anni e abbandonò gli studi al secondo anno della scuola tecnica, trovando impiego in un magazzino. Fu volontario nelle guerre di Libia (1911-12) e nella prima guerra mondiale (1915-1918) dove rimase in entrambi i casi ferito. Fu redattore a Tripoli della «Nuova Italia». Sostenne la politica imperialista dalle colonne de «Il Nuovo Giornale», presso il quale fu correttore di bozze nel 1919-1920. Frequentò per due anni a Grenoble l’Università. Giornalista, editore, redattore e scrittore, nel 1922 fondò a Firenze l’Ente attività per la Toscana (EAT) da cui nacque «L’Illustrazione toscana» (organo ufficiale dell’Ente, 1923-1945) e il Maggio musicale fiorentino (1933). L’Ente, unito sotto il fascismo con l’Azienda autonoma del turismo, collaborò alla fondazione della Federazione toscana del turismo, promosse la realizzazione del progetto dell’autostrada Firenze-mare (1928-1932) e la costruzione del campo di golf dell’Ugolino. L’idea di istituire una Fiera internazionale del libro a Firenze (1922-1932) fu di Enrico Barfucci, e venne poi concretamente organizzata dall’editore Enrico Bemporad (presso il quale Barfucci fu direttore dell’ufficio stampa e propaganda), che ne divenne presidente, e da Giuseppe Fumagalli, che ricoprì la carica di direttore. Secondo le ambiziose intenzioni degli organizzatori, la fiera avrebbe dovuto rappresentare un momento di confronto dei progressi delle industrie editoriali dei paesi partecipanti, mostrando al pubblico la ricchezza e la complessità dei prodotti e dei processi produttivi del libro, e costituendo una valida occasione commerciale per gli editori. Proposto nel 1922 consigliere dell’Associazione della stampa toscana, non accettò la candidatura opponendo la mancanza dei titoli professionali. Tra il 1922 ed il 1923 mise a punto l’ordinamento regionale del turismo. Nel 1927 ideò a Firenze la Mostra internazionale dell’incisione moderna, mentre con Alfredo Lensi dette nuova vita alla rievocazione storica del Calcio storico fiorentino (1930). Entrò nel Partito nazionale fascista solo nel 1932 subendo numerosi attacchi stampa dagli stessi fascisti: un ostracismo che lo convinse, nel 1936, a lasciare il suo incarico nell’Ente provinciale per il turismo, insieme alla redazione dell’«Illustrazione toscana». Per interessamento personale di Giovanni Papini fu assunto, nel dicembre 1937, come segretario dell’Istituto nazionale di studi sul Rinascimento di Firenze, con assunzione confermata nel novembre 1942.
Nei suoi memoriali di riabilitazione Barfucci sostenne di aver svolto negli anni bellici attività di sostegno agli ebrei e, in seguito, ai partigiani. Testimoniò inoltre in favore di Romano Romanelli e Guelfo Civinini sanzionati per il loro giudizio pubblico contro Mussolini.
Presidente de L’Unione fiorentina (fondata nel 1949 insieme a Giovanni Poggi, Nicola Lisi e Gianni Vagnetti) dal 1951 al 1964, fu l’ideatore e realizzatore della casa editrice “Il Rinascimento del libro”. Tra gli altri enti in cui collaborò si ricordano l’Istituto di studi etruschi, il Comitato fra gli enti di alta cultura, il Circolo per stranieri, il Comitato per le tradizioni popolari e l’Orchestra stabile fiorentina.

Complessi archivistici prodotti:
Barfucci Enrico (fondo)


Bibliografia:
"Enrico Barfucci", scritti di Mario Salmi, Rodolfo Capelli, Armando Nocentini; introduzione di Raffaello Torricelli, Firenze, Giovacchini, 1968
Turi Gabriele, "La cultura tra le due guerre" in “La Toscana”, Torino, Einaudi, 1986, pp. 562-563
Gentilini Gabriella, "Storia di una città. Firenze e l’Unione fiorentina", Firenze, SP44 Ed., 1992

Redazione e revisione:
Baglioni Roberto, 2011/07/22, prima redazione
Capannelli Emilio, revisione


icona top