Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Barichella Vittorio

Vicenza 1830 ott. 30 - Vicenza 1911 apr. 26

architetto
bibliotecario, 1848 - 1880

Intestazioni:
Barichella, Vittorio, architetto, (Vicenza 1830 - Vicenza 1911), SIUSA

Nasce a Vicenza il 30 ottobre 1830 (o, secondo alcune fonti, 1838). Proveniente da una famiglia colta (figlio di Lorenzo Barichella, uomo di vasta cultura umanistica, e Maddalena Negretti) affianca all'attività di bibliotecario, presso la Biblioteca pubblica comunale (1848-1880) quella di architetto nel campo del disegno tecnico e del restauro di edifici civili e religiosi (risalgono a quegli anni alcune pubblicazioni a stampa, come pure diversi appunti e studi archeologici rinvenuti tra le sue carte). Influenzato dall'opera di Giovanni Miglioranza, del quale è assistente dal 1853 al 1861, si dedica con passione agli studi sull'antichità classica, compiendo anche tra il 1870 e il 1873 numerosi viaggi nelle maggiori città italiane che lo arricchiscono sia dal punto di vista storico che architettonico. Grazie alle sue specifiche competenze entra a far parte sia dell'Accademia Olimpica sia della Commissione d'Ornato di Vicenza, con la quale più volte si trova in contrasto per divergenze di giudizio. E' anche consigliere comunale dall'aprile 1893 al giugno 1897. La sua carriera di bibliotecario si snoda attraverso queste tappe: assistente provvisorio a partire dal 3 gennaio 1848, in seguito assistente dispensatore, infine vice bibliotecario dal 10 novembre 1857 fino al 14 febbraio 1890. Alla morte di Andrea Capparozzo, la sua richiesta di essere nominato bibliotecario viene respinta e la giunta municipale designa Domenico Bortolan.
Come architetto Barichella realizza numerosi progetti di monumenti, cancelli, serramenti e portali. Si ricordano soprattutto: a Vicenza, la costruzione della cupola della chiesa di S. Stefano (1895), il restauro di Palazzo da Schio, (1875) e la ristrutturazione di palazzo Sesso-Zen - Fontana; ad Arcugnano, la torre campanaria di Perarolo (1911), colpita da un fulmine nel 1980 e ricostruita; ad Arzignano la progettazione del campanile della chiesa di Ognissanti, di quello di San Zeno e della chiesa neogotica di San Bortolo. Tra le sue pubblicazioni a stampa: Cenni sulla vita dell'architetto Miglioranza, Vicenza Paroni, 1861, Andrea Palladio e la sua scuola, Lonigo, Gaspari, 1880; Guida alla chiesa e monastero dei Santi Felice e Fortunato in Vicenza, Vicenza, Tip. S. Giuseppe 1889. Muore il 26 aprile 1911.

Complessi archivistici prodotti:
Barichella Vittorio (fondo)


Bibliografia:
M. L . COLA, Vittorio Barichella, un eclettico nell'ottocento vicentino, tesi di laurea, Università degli Studi di Padova, 1987
M. SCARAMUZZA, L'opera dell'architetto rilevatore Vittorio Barichella, tesi di laurea, Istituto Universitario di Architettura di Venezia, A.A. 1988/89

Redazione e revisione:
Domenichini Riccardo, 2013/12/31, revisione
Mazzotta Daniela, 2012, raccolta delle informazioni
Zacchilli Ilaria, 2013/08/29, prima redazione


icona top