Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Drudi Gabriella

Venezia 1922 mag. 12 - Roma 1998 ott. 31

artista
scrittrice

Intestazioni:
Drudi, Gabriella, artista, scrittrice (Venezia 1922 - Roma 1998), SIUSA

Gabriella Drudi è stata traduttrice, agente letterario, scrittrice, critica d'arte e corrispondente per numerose riviste italiane e internazionali.
A Siena studia giurisprudenza ed è coinvolta in attività teatrali con Mario Verdone, il pittore Piero Sadun e lo scenografo Mario Grazzini.
A Roma, dove arriva dopo la laurea, intraprende il lavoro di agente letterario e di traduttrice. Nella società gestita prima con Fabio Coen e la sorella Lucia Drudi Demby, dal 1949 solo con la sorella, si occupa tra gli altri di Graham Greene, John Steinbeck, William Burroughs, Truman Capote ed Erle Stanley Gardner. Quando comincia a scrivere d'arte, nel 1956 sulla rivista «Arti Visive», continuando parallelamente le altre attività, la Drudi è impegnata a intessere rapporti con la cultura angloamericana attraverso la letteratura.
Svolgerà un ruolo decisivo, anche sotto il profilo professionale l'unione, destinata a durare una vita intera, con l'artista romano Toti Scialoja, che sposerà nel 1972.
Pubblica studi sugli artisti americani Robert Motherwell e Mark Rothko prima, e poi de Kooning, Ad Reinhardt, e Cy Twombly (del quale curerà con Zeno Birolli nel 1980 la prima mostra in un'istituzione museale italiana). Oltre ai predetti artisti si interesserà e studierà l'opera del marito Toti Scialoja e anche di Afro e Fausto Melotti.
Sul finire del 1958, per la rivista francese «Art Aujourd'hui» diretta dall'architetto e artista André Bloc, partecipa con Aspect de la peinture italienne contemporaine, insieme a Lionello Venturi, Enrico Crispolti, Nello Ponente, ad una inchiesta sulla situazione artistica italiana.
All'inizio degli anni Settanta, aggiunge anche la collaborazione come corrispondente per la rivista «Craft Horizons».
Oltre alla critica d'arte, successivamente intraprende anche la strada della scrittura in prosa pubblicando per le Edizioni della Cometa Isabella Morra, 1991 e Non era vero, 1993.

Complessi archivistici prodotti:
Drudi Gabriella (fondo)


Bibliografia:
De Vivo M. , Gabriella Drudi. La scrittura dell'arte , in «Genesis. Rivista della società italiana delle storiche», Roma, a. 10 n. 1, 2011.

Redazione e revisione:
Nuzzolese Onofrio, 2014, raccolta delle informazioni
Reale Elisabetta, 2014/09/05, prima redazione


icona top