Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Banti Luisa

Firenze 1894 lug. 13 - Firenze 1978 feb. 17

Archeologa

Intestazioni:
Banti, Luisa, archeologa, (Firenze 1894 - Firenze 1978)

Luisa Banti (1894-1978) nasce in una famiglia della ricca borghesia fiorentina. Superando le resistenze dalla famiglia, poco accondiscendente a far seguire ad una donna studi scientifici, si iscrive al corso di lettere antiche all'Università di Firenze, dove segue le lezioni di maestri delle discipline archeologiche come Luigi Pareti, Luigi Pernier, Giacomo Devoto e Giorgio Pasquali. Proprio col Pareti discute la tesi di laurea, che verrà pubblicata diversi anni dopo insieme ad altri suoi articoli, nel volume "Luni" (Firenze 1937). Dopo la laurea prosegue i suoi studi con Pasquali (si diploma nella stessa Università con uno studio sul "Culto dei morti nella Roma antichissima", edito nel 1929) e collabora con il comitato permanente per l'Etruria, che le assegna la redazione di fogli topografici per la "Carta archeologica d'Italia" e alcune voci della "Real Enkyklopädie". Nel 1927, fresca di laurea, comincia a lavorare con la rivista «Studi etruschi», della quale molti anni più tardi diventerà direttrice (1965), mentre l'anno successivo si dedica alla preparazione del "I convegno internazionale di etruscologia" (Firenze-Bologna, 27 aprile-5 maggio 1928). Tra il 1930 e il 1940 partecipa alle campagne di scavo estive a Creta, lavora alla sezione manoscritti greci della Biblioteca Vaticana pubblicando lavori di filologia medioevale ed umanistica e collabora all'Enciclopedia italiana con diverse voci di storia delle religioni, topografia etrusca e di antichità greco-romane. Dopo aver ottenuto l'incarico di assistente del professor Pettazzoni, docente di storia delle religioni a Roma, ottiene la sua cattedra di archeologia nel 1951, per la quale insegna prima a Pavia (1948-1953) e poi a Firenze (etruscologia e archeologia), fino al 1964. Ritiratasi per raggiunti limiti di età, la Banti spende gli ultimi anni della sua vita studiando la villa cretese di Haghia Triada, a cui dedica la sua ultima pubblicazione (F. Halbherr-E. Stefani-L. Banti, "Haghia Triada nel periodo tardo palaziale", in «Annuario della Scuola archeologica italiana di Atene», LV [1977])

Complessi archivistici prodotti:
Banti Luisa (fondo)


Bibliografia:
"Studi in onore di Luisa Banti", Roma, L'erma di Bretschneider, 1965
L. Rocchetti, "Luisa Banti", in "Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, vol. 34 (1988), pp. 246-248

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Morotti Laura, 2015/11, revisione
Rivalta Benedetta, 2015/11, prima redazione


icona top