Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Profili istituzionali » Profilo istituzionale

Comitato nazionale forestale. Sezione provinciale, 1932 - 1945

Nel 1932 il segretario del Partito nazionale fascista Achille Starace, presidente del Comitato nazionale forestale, dispose che nelle province italiana venisse istituita una sezione del suddetto Comitato. L'incarico di promuovere gli atti relativi a tale costituzione fu affidato ai presidenti delle sezioni agricole forestali dei Consigli provinciali dell'economia.
L'attività delle sezioni provinciali del Comitato nazionale forestale consisteva in una attiva opera di propaganda con gite ed escursioni, con feste degli alberi, conferenze, pubblicazioni, proiezioni, manifesti, al fine di sviluppare nella popolazione e nelle istituzioni una coscienza forestale che contribuisse alla tutela, conservazione e sviluppo dei boschi. Mirava, inoltre, a favorire le sistemazioni idrosilvane, conformemente alle direttive impartite dal presidente del Comitato e a promuovere iniziative come lavori di rimboschimento, restaurazioni silvane, sistemazioni idraulico-forestali.
Organi delle sezioni provinciali erano: il direttorio, la consulta, l'assemblea. Il direttorio curava il raggiungimento degli scopi e studiava i mezzi migliori per raggiungerli, custidiva ed amministrava il patrimonio sociale, redigeva i bilanci e compilava le relazioni da presentarsi all'assemblea. La consulta dava il parere su tutte le questioni che il direttorio riteneva opportuno sottoporle; parere obbligatorio per le delibere riguardanti gli impegni vincolanti il bilancio per più di tre anni, le contrattazioni di prestiti, l'alienazione di beni patrimoniali, l'assunzione diretta di opere di rimboschimento e di sistemazioni idrosilvane. L'assemblea dei soci deliberava sugli argomenti all'ordine del giorno ed era valida quando fosse interventua la maggioranza dei soci; trascorsa un'ora dalla convocazione, diventava valida qualunque fosse il numero dei presenti. In applicazione del d.l. 22 febbraio 1945, n. 261 si dispose la soppressione del Comitato nazionale forestale e, con esso, delle sezioni provinciali.


Soggetti produttori collegati:
Comitato nazionale forestale. Sezione provinciale di Perugia
Ministero dell'economia nazionale. Consiglio provinciale delle corporazioni di Perugia
Ministero dell'economia nazionale. Consiglio provinciale delle corporazioni di Terni


Bibliografia:
SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER L'UMBRIA, L'archivio storico della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Perugia, (1835-1946). Inventario, a cura di F. CIACCI, P. CORNICCHIA, S. MARONI, F. TOMASSINI, Perugia, Grafiche Benucci, 1988, 433-434

Redazione e revisione:
Lonzini Silvia, 2006/08, prima redazione
Santolamazza Rossella, 2007/08/08, revisione


icona top