Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Pestagalli Pietro

fondo

Estremi cronologici: sec. XIX seconda metà

Descrizione: Il fondo iconografico dell'architetto Pestagalli consiste in quattro grandi cartelle di disegni (per un totale di circa 300 fogli) che comprendono, elaborati progettuali, copie di disegni presentati alla Commissione d'Ornato, rilievi di edifici esistenti, schizzi e studi incompiuti. Le prime tre cartelle (numerate da 1 a 3), recentemente ordinate per soggetto, contengono la documentazione dell'attività professionale di Pietro Pestagalli, relativa ad edifici civili, religiosi e a diversi cantieri di restauro a Milano e in Lombardia (anni 1801-1852). La cartella 4 (suddivisa in fascicoli contrassegnati da lettere) comprende la documentazione relativa al progetto per il nuovo palazzo della Veneranda Fabbrica in Camposanto (1835-53).

Note
L'archivio della Fabbrica del Duomo conserva anche numerosi disegni relativi agli interventi di Pestagalli nella cattedrale milanese: questi sono compresi tra la documentazione dei lavori della fabbrica e non fanno parte in senso proprio del Fondo Pestagalli. In modo analogo, numerosi manoscritti dell'architetto sono contenuti tra le carte del fondo Case in Milano e in due faldoni detti Carteggio Pestagalli. Un nucleo di disegni per il cantiere del Duomo è conservato nell'Archivio di Stato di Milano.


Notizie tratte da: "Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti", a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.

Strumenti di ricerca interni al fondo: Il fondo è descritto in un inventario analitico.

La documentazione è stata prodotta da:
Pestagalli Pietro

La documentazione è conservata da:
Veneranda Fabbrica del Duomo


Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/02/17, prima redazione


icona top