Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Partito comunista italiano - PCI. Triumvirato insurrezionale Emilia Romagna

Sede: Bologna
Date di esistenza: 1944 giu. - 1945 apr.

Intestazioni:
Partito comunista italiano - PCI. Triumvirato insurrezionale Emilia Romagna, Bologna, (1944 - 1945), SIUSA

Il Triumvirato insurrezionale Emilia Romagna fu istituito a Bologna intorno alla metà del mese di giugno 1944 quale organismo decentrato della direzione del Partito comunista italiano (PCI) per l'Italia occupata con sede a Milano, in forza delle "Direttive per lo sciopero insurrezionale e per l'insurrezione popolare" emanate dal partito il 12 giugno 1944.
Il Triumvirato rappresentò dunque un'organizzazione esclusivamente comunista, distinta sia dal Comitato di liberazione nazionale Emilia Romagna (CLNER), sia dal Comando unico militare Emilia Romagna (CUMER) del Corpo volontari della libertà (CVL), sorto con l'obiettivo di far fronte alle necessità di preparazione, coordinamento e direzione di tutte le forze politiche e militari del partito nelle fasi della guerra di liberazione.
I triumvirati insurrezionali nelle regioni a nord della linea Gotica furono in tutto sette. In Emilia-Romagna il Triumvirato era formato, all'atto della sua costituzione, da Giuseppe Alberganti, dirigente politico e incaricato della guida dell'organismo, Ilio Barontini, responsabile delle formazioni garibaldine della regione, e Renato Giacchetti, delegato all'organizzazione del lavoro di massa e delle attività sindacali, dei comitati di agitazione e dei CLN nelle fabbriche e nelle campagne.
Nel settembre 1944 Renato Giacchetti fu sostituito da Giuseppe Dozza, mentre nel mese di febbraio 1945 a Giuseppe Alberganti subentrò Fernando Zarri, segretario della Federazione provinciale bolognese del PCI fin dal giugno precedente.
Con la conclusione della guerra di liberazione e la conseguente smobilitazione, il Triumvirato insurrezionale perse la propria principale ragion d'essere. Le residue competenze in materia di coordinamento politico delle federazioni provinciali emiliano-romagnole furono progressivamente trasferite al nuovo Comitato regionale emiliano, mentre la Commissione quadri della Federazione bolognese seguitò l'opera di epurazione antifascista attraverso la selezione e la preparazione dei funzionari.

Condizione giuridica:
privato

Tipologia del soggetto produttore:
partito politico, organizzazione sindacale (1944 giu. - 1945 apr.)

Complessi archivistici prodotti:
Partito comunista italiano - PCI. Triumvirato insurrezionale Emilia-Romagna (fondo)


Redazione e revisione:
Alongi Salvatore, 2017/04/13, prima redazione
Caniatti Giovanna, 2018/11/10, supervisione della scheda


icona top