Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Frisia Elio

Milano 1906 - Milano 1989

Architetto

Intestazioni:
Frisia, Elio, architetto, (Milano 1906 - Milano 1989), SIUSA

Elio Frisia si diploma a Genova nel 1923 e si laurea in Ingegneria Civile presso il Politecnico di Milano nel 1928, ottenendo il titolo di architetto a Parigi nel 1930. Negli anni Trenta compie una serie di viaggi di formazione che lo portano anche negli Stati Uniti. Nel 1934 entra a far parte della redazione della rivista "Case d'oggi". Questa collaborazione rappresenta una rara occasione di partecipazione al dibattito artistico, in una carriera segnata invece da riservatezza e da un certo isolamento. Intellettuale eclettico, Frisia si occupa anche di sport e di musica, arrivando a elaborare un metodo per lo studio della fisarmonica. La sua attività professionale può essere letta come articolata in due periodi: il primo, dagli esordi alla fine della Seconda Guerra Mondiale, comprende la realizzazione di Palazzo Vittoria (iniziato nel 1933), le case di via Soperga e via Arnò a Milano (1938-39), Villa Meneveri a Quarna di Sotto (1937-38), Villa Soprani a Castelfidardo (1938-39) e Villa Martini a Roma (1941). Inviato in Germania e in Russia durante la guerra, al ritorno vive una seconda stagione professionale in cui realizza il condominio e il cinema di piazza Piola (1955-56), la casa di corso XXII Marzo (1955-57), alcune ville, di cui vengono progettati anche gli arredi (Villa "La Carciofa", 1947-48; Villa Meneveri, 1947- 49; villa Soresina, 1949-50). Due progetti di un certo rilievo - la ricostruzione del chiostro di Santa Maria delle Grazie (1946) e dell'isolato di via Santa Sofiacorso di Porta Romana-via Lentasio (1956) - non vengono realizzati. L'attività professionale di Frisia prosegue fino al 1970.

Notizie tratte da: "Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti", a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza Archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.

Complessi archivistici prodotti:
Frisia Elio (fondo)


Bibliografia:
Augusto Rossari, Elio Frisia ingegnere e architetto, 1906-1989, Unicopli, Milano, 2001

Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/03/02, prima redazione


icona top