Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Aschieri Pietro

Roma 1889 mar. 26 - Roma 1952 mar. 11

architetto, scenografo, docente, 1913 - 1941

Intestazioni:
Aschieri, Pietro, architetto, scenografo, (Roma 1889 - Roma 1952), SIUSA

Professore di scenografia teatrale e cinematografica all'Università di Roma e al Centro Sperimentale di Cinematografia. Aderisce al MIAR (Movimento Italiano per l'Architettura Razionale). Dal 1934 si dedica quasi esclusivamente all'attività di scenografo.
Tra i progetti e gli edifici realizzati a Roma si ricordano: la Casa Brini in via Bonghi (1921), la casa modello per l'Istituto Autonomo Case Popolari nella borgata giardino Garbatella (1929), il Pastificio Pantanella in via Casilina (1929), la Palazzina De Salvi in piazza della Libertà (1929-30), la Palazzina in piazza Trasimeno (1931), la Casa dei Ciechi di guerra (1931), l'Istituto di Chimica nella Città Universitaria (1932-35), la piazza e il Palazzo della Civiltà Italiana all'Eur (1939-41, in collaborazione).

Complessi archivistici prodotti:
Aschieri Pietro (fondo)


Bibliografia:
V. BACIGALUPI, G. BOAGA, B. BONI, Guida dell'architettura contemporanea in Roma, Associazione Nazionale Ingegneri ed Architetti, Roma 1965, scheda F9
Dizionario enciclopedico di architettura e urbanistica, a cura di P. PORTOGHESI, Roma 1968-1969, 168-169
AA.VV., Pietro Aschieri 1889 - 1952, catalogo della mostra, Roma 1977
P. O. ROSSI, Roma. Guida all'architettura moderna (1909-1984), Bari 1984, 48-50, 52-54, 58, 92
I. DE GUTTRY, Guida di Roma moderna dal 1870 ad oggi, Roma 1989, 119
Dizionario dei monumenti italiani e dei loro autori. Roma dal Rinascimento ai nostri giorni, a cura di V. SGARBI, Milano 1991, 32-33

Redazione e revisione:
Marinelli, Reale, 2006/07/22, revisione
Mirante Raffaella, 2005/12/28, prima redazione


icona top