Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Rossi Gabriella

Modena 1921 feb. 27 - Modena 1992 ago. 18

partigiana, 1943 - 1945
militante politica, 1944 - 1960

Intestazioni:
Rossi, Gabriella, partigiana, militante politica, (Modena 1921 - Modena 1992), SIUSA

Gabriella Rossi nasce a Modena il 27 febbraio 1921 da una famiglia di operai. Cresce in un ambiente caratterizzato dall'antifascismo, intrattenendo rapporti fin dall'adolescenza con oppositori al regime fascista, quali Abelardo Del Monte, Ercole Campana, Elio Carrarini.
Animata da ideali di giustizia e di libertà, ma soprattutto dall'odio per la guerra e la violenza, dall'8 settembre 1943 inizia il suo impegno attivo nella lotta di liberazione prestando soccorso ai soldati in fuga dal regime e collaborando alla distribuzione di volantini propagandistici antifascisti.
Nei primi mesi del 1944 partecipa al movimento resistenziale all'interno delle Squadre di azione partigiana (SAP) e dei Gruppi difesa della donna (GDD), offrendo la sua casa come recapito dell'organizzazione. Iscritta al Partito Comunista Italiano - PCI, comincia l'attività politica nella Federazione giovanile e nel 1944 diventa responsabile del settore nord della città modenese; contemporaneamente è nominata segretaria di Sandro Cabassi, fondatore del Fronte della Gioventù provinciale. Nel 1946, in occasione delle consultazioni per la Costituente, il PCI la indica come unica modenese da votare nella lista capeggiata da Teresa Noce; non viene eletta, ma successivamente ricopre incarichi come dirigente femminile della federazione modenese del PCI, dell'Unione Donne Italiane - UDI e del Comitato di Solidarietà democratica.
Nel febbraio del 1950 viene nominata responsabile dell'UDI provinciale e nel luglio dello stesso anno entra a far parte del Comitato federale del PCI. Nel 1951 è eletta nel Consiglio comunale nelle liste del PCI; le viene assegnato l'assessorato all'assistenza, carica che le consente di dedicarsi ai problemi concreti delle categorie più disagiate. In seguito è chiamata dal partito a dirigere la commissione femminile provinciale, e, dopo tre anni, ricopre per la seconda volta la carica di assessore alla assistenza del Comune. Nel 1960 la giunta si dimette e anche la Rossi deve abbandonare il suo assessorato. A causa di sopraggiunti contrasti con il partito viene progressivamente allontanata da ogni incarico. Successivamente lavora per tre anni come commessa in un magazzino tessile della Alleanza cooperativa modenese, e dal 1967 al 1990 svolge attività presso l'Associazione nazionale partigiani d'Italia - ANPI di Modena.
Il 18 luglio 1972 le viene conferita la Croce al merito di guerra dal Distretto militare di Modena.
Muore a Modena il 18 agosto 1992, all'età di 71 anni.


Soggetti produttori:
Unione donne in Italia - UDI di Modena, collegato

Complessi archivistici prodotti:
Rossi Gabriella (fondo)


Fonti:
Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Modena, Modena, Rossi Gabriella, b. 24, Note personali di Gabriella Rossi, Modena, 1956-1990.

Bibliografia:
Gabriella Rossi: una vita al servizio della democrazia, in Resistenza oggi, 2007, 2, pp. 6-7 (Resistenza oggi online)

Redazione e revisione:
Menghi Sartorio Barbara, 2016/03/01, supervisione della scheda
Verrini Sara, 2014/03/19, prima redazione
Xerri Maria Lucia, 2015/10/12, revisione


icona top