Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Profili istituzionali » Profilo istituzionale

Comunità (Stato della Chiesa), sec. XIV - sec. XVIII

A fronte di una varietà di trasformazioni istituzionali, di domini politici e di assetti territoriali dello Stato pontificio, all'interno delle comunità gli organi di governo e le magistrature non sembrano subire incisivi cambiamenti. Vi sono le città di più antica tradizione comunale i cui statuti richiamano l'organizzazione tipica del comune medievale: dal parlamento e consiglio generale, di cui fanno parte tutti i capifamiglia, al consiglio ristretto (consiglio speciale o di credenza), fino alla magistratura collettiva che esprime la rappresentanza politica della comunità (priori, gonfalonieri). Accanto agli organi per mezzo dei quali la comunità manifesta il suo volere, si pone il podestà, con la sua familia di giudici, notai, barigelli, chiamato a svolgere la funzione di garante nell'amministrazione della giustizia e in materia di ordine e di sicurezza pubblica. I suoi giudici, assistiti dai rispettivi notai, siedono al banco civile e a quello criminale per conoscere le cause di competenza e decidono in genere anche le cause di danno dato. In una posizione di raccordo tra la comunità ed il podestà compare in alcuni casi anche il capitano del popolo, una sorta di commissario del comune con competenze politiche riguardo all'organizzazione delle corporazionei d'arti e mestieri, giurisdizionali, d'appello dal tribunale podestarile ed esclusive in particolari materie, di controllo nei confronti della stessa dell'attività della curia podestarile. Più frequente è la funzione affidata all'organizzazione territoriale della comunità: quartieri, sestieri, decarcie, partecipano al governo cittadino nominando, come a Priveno, un offiziale per porta che collettivamente eleggono 10 bussolatori per porta e nello stesso tempo garantiscono la difesa militare. Ad un livello diverso si collocano le due branche d'amministrazione che producono la maggior quantità di documentazione: la cancelleria, cui incombe soprattutto la registrazione delle congregazioni dei consigli e la redazione degli istrumenti e degli atti di rilievo della comunità; l'ufficio del camerlengo, responsabile della gestione finanziaria cui fanno riferimento gli innumerevoli esattori, collettori e depositari delle diverse casse comunali. Non mancano infine offitiali di vario genere, preposti alla custodia delle porte o delle mura, o incaricati di vigilare sulle strade, sui confini, o di provvedere all'approvigionamento del grano (grascieri, abbondanzieri) e di altri generi necessari.
Caratteristica comune a quasi tutte le cariche è la loro eleggibilità il cui meccanismo è a volte alquanto complesso; si perviene a definire quelli chiamati ad esercitare effettivamente la carica imborsando i nominativi (ossia chiudendoli in una borsa, o sacco, o bussolo) e procedendo alla loro estrazione. Si tratta di un meccanismo di sostanziale cooptazione poiché il gran numero di cariche e la loro durata estremamente breve (da due a sei mesi), garantisce un ricambio, o meglio un continuo passaggio di cariche, all'interno del medesimo ceto dirigente.
A partire dal XVI sec. il processo di svuotamento delle autonomie comunali e la più forte presenza statale conducono ad una notevole semplificazione degli organi comunali. Spariscono senz'altro alcune cariche, come quella di capitano del popolo; determinate attività, come quelle di carattere militare, vengono integrate ed assorbite nel quadro di organizzazioni sovracomunali; altre vengono svolte direttamente da autorità esterne. Ma ciò che sembra essere l'elemento profondamente nuovo è il sovrapporsi agli ordinamenti locali di una fitta rete di governatori capaci di esercitare nei confronti delle comunità la tutela politica e giurisdizionale che le costituizioni egidiane affidavano al rettore o al legato provinciale. Parallelalmente, nei luoghi minori ove non è presente il governatore, il podestà viene poco a poco a trasformare le proprie competenze fino a divenire una sorta di dipendente del governatore, gerarchicamente e funzionalmente subordinato a questi, chiamato a rappresentarne la volontà.
Non cambia invece la tradizionale separazione tra organi politici, amministrazione finanziaria, competenze giuridizionali, né cambiano i sistemi di elezione e la durata delle diverse cariche, anche se la crisi degli ordinamenti comunali fa di tutti questi elementi delle mere sopravvivenze e nel corso del tempo si diffonde la consapevolezza della loro scarsa funzionalità: in questo periodo si moltiplicano le disposizioni che impediscono gli eletti di rinunciare alla carica cui erano stati chiamati, segno di una diffusa tendenza a sottrarsi all'obbligo.
Anche nelle terre mediate subjecte e nei castelli minori i principi di diritto pubblico impongono una distinzione tra organismi rappresentativi della comunità, tutela politica e competenze giurisdizionali. Ma il rapporto tra comunità e soggetto politico sovraordinato, barone o città che sia, è basato direttamente sul vincolo che obbliga l'una alla fidelitas e l'altro alla protezione. Ne deriva che qualsiasi prerogativa e competenza comunale risulti anche formalmente una concessione e che l'articolazione istituzionale della comunità rimanga entro limiti del tutto modesti. Ed è forse possibile cogliere il rilievo e il carattere della vita associativa di queste comunità dalla denominazione dei loro rappresentanti. In genere a capo della comunità è posto il sindaco, un termine che indica fin dal medioevo un semplice rappresentante esterno, un delegato designato ad esporre ad altri la voltontà della comunità mentre ai consiglieri è spesso sostituita o associata la menzione di massari, che nella sua accezione di gestore economico sta quasi ad indicare la funzione della comunità quale semplice detentrice di beni.

Estratto da: A. Attanasio, F. Dommarco, "Lineamenti istituzionali e documentazione delle comunità pontificie nel periodo di antico regime", in Soprintendenza archivistica per il Lazio, "Gli archivi storici comunali. Lezioni di archivistica", Quaderni dell Rivista storica del Lazio, 1 (1998).


Soggetti produttori collegati:
Castello di Monte San Vito
Castello di Usigni
Comune di Acquasparta
Comune di Allerona
Comune di Alviano
Comune di Amelia
Comune di Arrone
Comune di Assisi
Comune di Attigliano
Comune di Baschi
Comune di Bastia Umbra
Comune di Bettona
Comune di Bevagna
Comune di Calvi dell'Umbria
Comune di Campello sul Clitunno
Comune di Cannara
Comune di Capitone
Comune di Castel Giorgio
Comune di Castel Ritaldi
Comune di Castel San Felice di Narco
Comune di Castel San Giovanni di Spoleto
Comune di Castel Viscardo
Comune di Casteldilago
Comune di Castiglione del Lago
Comune di Cerreto di Spoleto
Comune di Ceselli
Comune di Citerna
Comune di Città della Pieve
Comune di Collazzone
Comune di Collemancio
Comune di Collescipoli
Comune di Collestatte
Comune di Corciano
Comune di Costacciaro
Comune di Deruta
Comune di Fabro
Comune di Ferentillo
Comune di Ficulle
Comune di Foligno
Comune di Fossato di Vico
Comune di Fratta Todina
Comune di Giano dell'Umbria
Comune di Giove
Comune di Gualdo Cattaneo
Comune di Gualdo Tadino
Comune di Guardea
Comune di Gubbio
Comune di Lisciano Niccone
Comune di Lugnano in Teverina
Comune di Magione
Comune di Marsciano
Comune di Massa Martana
Comune di Meggiano e Paterno
Comune di Monte Castello di Vibio
Comune di Monte Rubiaglio
Comune di Monte Santa Maria Tiberina
Comune di Montecastrilli
Comune di Montefalco
Comune di Montefranco
Comune di Montegabbione
Comune di Monteleone d'Orvieto
Comune di Monteleone di Spoleto
Comune di Montone
Comune di Narni
Comune di Nocera Umbra
Comune di Norcia
Comune di Orvieto
Comune di Otricoli
Comune di Paciano
Comune di Panicale
Comune di Parrano
Comune di Pascelupo
Comune di Passignano sul Trasimeno
Comune di Penna in Teverina
Comune di Perugia
Comune di Piegaro
Comune di Pietralunga
Comune di Poggiodomo
Comune di Polino
Comune di Porano
Comune di Porchiano del Monte
Comune di Preci
Comune di San Gemini
Comune di San Giustino
Comune di San Venanzo
Comune di San Vito in Monte
Comune di Sant'Anatolia di Narco
Comune di Scheggia
Comune di Scheggino
Comune di Sigillo
Comune di Spello
Comune di Spoleto
Comune di Todi
Comune di Torgiano
Comune di Trevi
Comune di Tuoro sul Trasimeno
Comune di Umbertide
Comune di Valfabbrica
Comune di Vallo di Nera
Comune di Valtopina
Comunità di Acera
Comunità di Agliano e Acera
Comunità di Aguzzo
Comunità di Benano
Comunità di Buonacquisto
Comunità di Casacastalda
Comunità di Castagnola
Comunità di Castelbuono
Comunità di Colle del Marchese
Comunità di Cospaia
Comunità di Doglio
Comunità di Fabbri
Comunità di Foce
Comunità di Fornole
Comunità di Fratta
Comunità di Macchie
Comunità di Montecampano
Comunità di Montecchio
Comunità di Morcicchia
Comunità di Mucciafora
Comunità di Pissignano
Comunità di Ponte
Comunità di Rasiglia
Comunità di Rotecastello
Comunità di Sambucetole
Comunità di San Luca
Comunità di Sant'Urbano
Comunità di Scoppio
Comunità di Spina
Comunità di Viceno

icona top