Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Amministrazione di San Benedetto Po

sub-fondo / sezione

Estremi cronologici: 1797 - 1865

Consistenza: fascc. 59, filza 1, b. 1

Descrizione: Conserva documentazione relativa all'amministrazione di proprietà già dell'Abbazia di Polirone, acquistate dai d'Espagnac nel 1797, tra cui alcuni fondi ubicati nei dintorni di San Benedetto Po (Mantova) denominati Bugno Martino, Clausura o Simeona, Ghiacciaia e Mezzanella.
Sono presenti inoltre fascicoli relative a vertenze sostenute dalla famiglia d'Espagnac contro affittuari debitori, eredi di Giovanni Federico Guglielmo (1750 - 1817) e di Francesco Giuseppe (1776 - 1820), creditori di Giovanni Federico Guglielmo (in particolare la ditta Regny).
La documentazione è organizzata nelle seguenti serie corrispondenti a raggruppamenti originali delle carte in filze, fatta eccezione per l'ultima serie:
- Filza I carte relative alla possidenza di San Benedetto;
- Affitti beni in San Benedetto (serie costituita delle sottoserie Filze II carte relative alle affittanze dei suddetti beni - San Benedetto e Filza III carte relative alle affittanze dei beni in San Benedetto;
- Filza IV fascicoli relativi a cause agitate innanzi la pretura di Gonzaga;
- San Benedetto miscellanea.
Non ci sono giunti i documenti della quinta filza, denominata, come si ricava dagli strumenti di corredo antichi: "recapiti di spesa relativi all'eredità Duchatel".

Strumenti di ricerca:
Abbazia di Santa Maria della Vangadizza e famiglia d'Espagnac. Inventario
Abbazia di Santa Maria della Vangadizza e famiglia d'Espagnac, Miscellanea otto-novecentesca. Elenco

La documentazione è stata prodotta da:
d'Espagnac

La documentazione è conservata da:
Sodalizio Vangadiciense


Redazione e revisione:
Mariani Ilaria, 2020/04/14, prima redazione


icona top