Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Palla Fidia

fondo

Estremi cronologici: 1927 dic. 19 - 1936

Note alla datazione: La documentazione non datata è ascrivibile al periodo 1924-1944 (periodo di internamento nell'ex Ospedale psichiatrico provinciale di Maggiano)

Consistenza: Unità 1: Fasc. 1

Storia archivistica: Il fondo è costituito dalla documentazione prodotta da Fidia Palla durante i venti anni di permanenza nell'Ospedale psichiatrico provinciale di Maggiano, consegnata al momento del decesso, avvenuto nel 1944, al fratello Spartaco e giunta per via ereditaria a Giulia Talini, nipote di Mario Palla figlio dello scultore, che ne detiene la proprietà e che ha avviato una capillare raccolta di testimonianze orali in ambito familiare e di documentazione allo scopo di rivalutare la figura e la memoria del proprio avo e di individuarne le eventuali opere superstiti

Descrizione: La documentazione prodotta da Fidia Palla nei venti anni di permanenza nell'ex Ospedale psichiatrico di Maggiano (1924-1944) è stata oggetto di interesse, per le sue caratteristiche e contenuto, da parte della Fondazione dedicata a Mario Tobino, che negli ultimi anni di permanenza di Palla era presente nell'Istituto, ed è costituita da 31 lettere e circa 200 disegni. Non è possibile stabilire se le missive redatte tra il 1927 ed il 1936 su fogli di quaderno ed indirizzate alla moglie ed ai tre figli siano state recuperate dallo stesso Spartaco tra le carte di famiglia ed unite alla restante documentazione o se in realtà non siano mai state spedite in quanto non sono presenti le buste postali. Esse descrivono momenti della vita quotidiana all'interno del manicomio lucchese o contengono raccomandazioni e pensieri familiari, ma la loro grafia, inizialmente comprensibile, diviene progressivamente di difficilissima lettura. I disegni, eseguiti a matita colorata su carta, quaderni quadrettati o sul retro delle carte dei registri in uso all'Istituto, non riportano datazione ad esclusioni di una serie datata 1934 costituita da 12 immagini che ritraggono scene di battaglia e momenti sul fronte della Grande Guerra, vissuti o immaginati e di cui non è possibile stabilire il momento della realizzazione, e di un disegno che riporta come data il Natale del 1935. La loro particolarità ed importanza si deve al fatto che costituiscono una delle poche testimonianze visive degli ambienti, delle situazioni e delle persone, sia medici che pazienti, dell'ex Istituto psichiatrico lucchese nella prima metà del '900. A queste si aggiungono i paesaggi collinari e rurali, i gatti e gli stormi, gli animali di fattoria della campagna circostante, in cui Palla come altri era autorizzato a passeggiare nei lunghi anni trascorsi a Maggiano.

Ordinamento: Le lettere sono state ordinate da Giulia Talini in sequenza cronologica ed i disegni si presentano divisi in Disegni della Grande Guerra e Disegni di Maggiano a loro volta distinti in Visioni di interno ed esterno

Informazioni sulla numerazione: Le lettere presentano numerazione progressiva non coeva

La documentazione è stata prodotta da:
Palla Fidia

La documentazione è conservata da:
privato


Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, 2018/4, revisione
Macchi Laura, 2017/09, prima redazione
Morotti Laura, 2017/09, revisione

Modalità di consultazione:
La documentazione è consultabile previa richiesta motivata e autorizzazione della Soprintendenza archivistica per la Toscana


icona top