Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Manifesti e grafica

serie

Estremi cronologici: sec. XIX - sec. XX

Consistenza: 107 manifesti e disegni per pubblicazioni

Descrizione: La Ricordi era, a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento, l'unica casa editrice nel mondo in grado di realizzare e riprodurre manifesti di grandi dimensioni, tanto da ricevere commissioni da ditte d'oltreoceano. Ricordi fu uno dei primi in Italia a comprendere l'importanza che poteva avere il manifesto; all'inizio lo utilizzò per reclamizzare la propria attività musicale, poi, visto il successo, decise di mettere al servizio di altre aziende le capacità creative dei suoi grafici e le potenzialità tecniche delle sue Officine. Nacquero così, accanto ai cartelloni per Manon Lescaut o Turandot, quelli per il Bitter Campari, la birra Peroni, l'acqua Uliveto, la Rinascente o Il Corriere della Sera, le biciclette Bianchi, e così via.
Primo direttore artistico fu Adolf Hohenstein, ben presto affiancato da nomi quali Leopoldo Metlicovitz, Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Franz Laskoff , Luigi Caldanzano.
Degne di particolare menzione sono la serie di 6 cartelloni per Cabiria, una delle primissime opere cinematografiche italiane (1914), diretta da Giovanni Pastrone e quella per i Magazzini Mele di Napoli, splendido esempio di storia del costume a cavallo del secolo scorso.
Gli stessi disegnatori si occupavano anche di illustrare con splendide copertine sia le riviste edite da Ricordi che le edizioni musicali a stampa, come le riduzioni per canto e pianoforte. Questa tradizione grafica è proseguita anche nel secondo novecento, basti pensare ai disegni a china realizzati da Peter Hoffer, Crepax, Attilio Rossi.
Una sezione di recente formazione è costituita dalle stampe, principalmente ritratti di compositori e cantanti, in origine raccolte con le fotografie e ora oggetto di una collezione a se stante che conta 200 pezzi: fra i nomi più noti ricordiamo Alessandro Sanquirico e Roberto Focosi.

La documentazione è stata prodotta da:
G. Ricordi e C.

La documentazione è conservata da:
Archivio Storico Ricordi


Redazione e revisione:
Frugoni Francesca, 13/06/2012, prima redazione
Ricordi & C., raccolta delle informazioni

Modalità di consultazione:
Per appuntamento


icona top