Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Creators

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Persons » Creator - Person

Francioni Celio

Pennabilli (Rimini) 1928 ago. 15 - Pesaro 2002 gen. 8

architetto

Headings:
Francioni, Celio, architetto, (Pennabilli 1928 - Pesaro 2002), SIUSA

L'architetto Celio Francioni con la famiglia visse fra Rimini e Pesaro, per tornare nel luogo d'origine durante la seconda guerra mondiale. Terminati gli studi classici presso il Liceo "T. Mamiani" di Roma, seguì le spiccate inclinazioni artistiche del nonno materno, Oreste Mazzoni, poeta dilettante nonché affermato decoratore, progettista e pittore (dipinse e decorò il duomo ed il teatro di Pennabilli), come pure di suo padre Cornelio, geometra del Genio civile e poi libero professionista. S’iscrisse alla facoltà di architettura di Roma dove si laureò nel 1954 in composizione con un progetto di edificio sacro ad Urbino. Trasferitosi nuovamente a Pesaro, collaborò per qualche anno con l'impresa di costruzioni Montagna fino a quando, nel 1958, intraprese la carriera di libero professionista. Fra il 1958 e il 1960 realizzò condomini in centro città, vari hotel sul lungomare (come il "Palace", il "Lido", il "Nettuno" e il "Garden"), opere di edilizia privata a Pesaro e provincia, come casa Barile a Fano, casa Gostoli a Gabicce Monte, casa Binucci sempre a Fano. Nel settore pubblico va citato il grande complesso porticato con appartamenti, uffici e negozi detto "dei Mulini Albani" nell'attuale piazza Lazzarini di Pesaro, nonché l'analogo blocco di via San Francesco che, con i suoi edifici ed alti porticati, caratterizza fortemente la strada d'ingresso alla centrale piazza del Popolo. Sono degli anni Settanta i suoi progetti di edilizia privata tra cui le villette Onofri e Valentini a Pennabilli. In questo periodo Francioni collaborò con Aymonino ed altri docenti della facoltà di architettura di Venezia per la stesura del piano regolatore della città di Pesaro, di cui fu di sua pertinenza la cosiddetta "zona 7" ed il palazzo degli uffici finanziari in viale Fiume edificato tra il 1970 e il 1980. Anche gli anni Ottanta e Novanta videro la realizzazione di molti suoi progetti di edilizia pubblica e privata, un buon numero dei quali riguarda restauri o ricostruzioni. Celio Francioni dedicò gli ultimi anni di carriera alle opere per il museo vescovile di Pesaro ed, in particolare, per il complesso ecclesiastico di Pennabilli.

Generated archives:
Francioni Celio (fondo)


Bibliography:
"La facoltà di architettura di Roma nel suo trentacinquesimo anno di vita", a cura di L.VAGNETTI e G. DALL'OSTERIA, Roma, 1955
L'architettura negli archivi. Guida agli archivi di architettura nelle Marche, a cura di Antonello Alici e Mauro Tosti Croce, Roma Gangemi 2011 (Archivi e Architettura. Percorsi di ricerca, 1), 84-85

Editing and review:
Pesaresi Alessandra, 2007/05/14, prima redazione


icona top