Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Bartolini Francesco

fondo

Estremi cronologici: sec. XIX - sec. XX

Consistenza: Unità 40

Storia archivistica: L'archivio di Francesco Bartolini è stato conservato fino al marzo 2012 a Pistoia nella casa in cui abitarono l'architetto Bartolini e sua moglie, la poetessa irlandese Luisa Grace. Esso fu sottoposto alla vigilanza dell'Amministrazione archivistica fin dal 1941 quando Sergio Camerani visità l'abitazione dei coniugi Spampani che avevano ereditato il patrimonio Bartolini.
Il materiale documentario prevalente è quello dell'architetto Bartolini, in quanto la maggior parte delle carte della Luisa Grace furono ordinate dal marito dopo la sua morte (1865) e donate in seguito alla Biblioteca Marucelliana di Firenze.
In occasione di una successiva visita nel 1956, in relazione all''interesse che rivestiva la documentazione dell'architetto per la città di Pistoia e per i rapporti da lui intrattenuti con il mondo artistico fiorentino e toscano della fine dell'Ottocento, le carte Bartolini furono notificate con provvedimento n. 26 del 26 agosto 1964.
La ricognizione del 1994 mise in luce alcune lacune nella documentazione del Bartolini quale ispettore dei monumenti a Pistoia e di progettista per una committenza privata e pubblica, difficilmente quantificabile anche a causa della sommaria descrizione dell'archivio fino ad allora effettuata. In quella occasione fu evidenziata la presenza di un ricco fondo grafico (disegni, tavole studi di soggetti diversi e fotografie) e di una raccolta di lettere ordinate dall'autore stesso, ed infine di un nucleo di carte di Luisa Grace esclusi dal Bartolini stesso dal dono alla Marucelliana in quanto di carattere strettamente personale. Si è evidenziato anche un nucleo di carte del frate patriota Angelico Marini, guida spirituale della poetessa, e carte dell'ingegnere pistoiese Angelo Gamberai, amico e maestro del Bartolini, morto nel 1866 (5 pezzi in buste di scritti di architettura e una unità intitolata "pensieri e ricordi"). Un nucleo di lettere di Giosuè Carducci fu venduto intorno agli anni Trenta a privati.
Nella casa di Pistoia appartenuta al Bartolini erano esposti in quadri e bacheche contenitori di cartelle con materiale grafico, documentario e librario, disposti da lui stesso. Parte della casa, insieme ai suoi arredi più significativi, e alla biblioteca e all'archivio fu sottoposta a vincolo pertinenziale dalla Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici.
Alla fine del marzo 2012 il patrimonio archivistico e librario appartenuto al Bartolini è stato, per volontà degli eredi Spampani, temporaneamente consegnato in custodia all'Archivio di Stato di Pistoia, che lo ha sistemato presso la Sezione di Archivio di Stato di Pescia.
.


Descrizione: Le carte dell'architetto Francesco Bartolini sono state elencate in occasione della ricognizione del 1994. Sono state individuate le seguenti serie:
- Documenti e Ricordi personali: scritti legati prodotti da F. B. come insegnante e nell'esercizio della propria professione di architetto, dal 1851 al 1906, in fascicoli contenuti in buste, disposti in ordine cronologico, forse dallo stesso autore; corrispondenza con editori e librai; ritagli di giornali;
- Carteggio: lettere di diversi in ordine cronologico per mittente (un inserto per ogni mittente tra cui oltre 140 lettere di Giuseppe Ciaranfi, lettere di Filippo Civinini, Maria Costantini nei Ciaranfi, Isidoro Del Lungo con le minute del Bartolini, Raffaello Fornaciari, Renato Fucini, Giovanni Fattori, Giuseppe Tigri, Stefano Ussi),
-- Inserti diversi: carte della Scuola di arti e mestieri di Pistoia, dell'Accademia di belle arti di Firenze, progetti di restauro e carte per il corso di Ornato; disegni e ritagli di giornali relativi al palazzo della Cassa di Risparmio; disegni di stemmi per famiglie e comuni del pistoiese e uno stemmario di famiglie fiorentine del XVI sec.; sonetti di nozze,
-- Carte dell'ingegner Gamberai (1870 ca.)
-- Lettere di amici: inserti divisi per mittenti, tutte personalità facenti parte del Comitato pistoiese della società nazionale italiana nel 1860.
Delle carte della moglie Luisa Grace Bartolini, non consegnate alla Biblioteca Marucelliana, rimangono:
- Ricordi di Luisa Grace Bartolini: varie cartelle e buste contenenti carteggio, minute di poesie e volumi a stampa delle opere pubblicate, note e ricordi di viaggio, materiale a stampa sulla poetessa, atti relativi alla donazione degli scritti fatta da Bartolini alla Biblioteca Marucelliana, carte legali tra cui il contratto nuziale, schede bibliografiche, opere letterarie a stampa e manoscritte, estratti di sonetti con dedica autografa di Carducci, lettere private al marito (1856-1860 ca.), scritti diversi a stampa sull'opera di Luisa Grace Bartolini;
- Carte del padre capuccino Angelico Marini: con il catalogo dei libri della bibloteca della poetessa (1842-1890 ca.);
- Carte di Francesco Bartolini e Luisa Grace;
- Carte miscellanee di Francesco Bartolini.


Documentazione collegata:
Biblioteca Marucelliana, Firenze, Disegni di Luisa Grace Bartolini, La Biblioteca di Louisa Grace Bartolini è dotata di un Catalogo alfabetico per autori e titoli e un Inventario topografico a cura di Alessandra Giovannini (luglio 1994). Nella donazione effettuata nel 1865 dal marito della poetessa Francesco Bartolini sono comprese anche un carteggio e i manoscritti delle opere pubblicate. Conservata presso: http://www.maru.firenze.sbn.it/

La documentazione è stata prodotta da:
Bartolini Francesco

La documentazione è conservata da:
Archivio di Stato di Pistoia. Sezione di Pescia


Bibliografia:
Todros Rossella, La vergine d'Ossian: immagini e carte di Louisa Grace Bartolini, Firenze, Manent,1996

Redazione e revisione:
Bettio Elisabetta, 2005/10/13, prima redazione
Insabato Elisabetta, 2012/03/25, integrazione successiva
Pacifico Sveva, 2020/08/31, revisione

Modalità di consultazione:
Su appuntamento con i proprietari e con lettera di presentazione alla Soprintendenza Archivistica per la Toscana.


icona top